Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Processione di Sant'Antonio: i portatori del santo dovranno sottoporsi a tampone, per i fedeli consigliate le mascherine Ffp2

Processione di Sant'Antonio: i portatori del santo dovranno sottoporsi a tampone, per i fedeli consigliate le mascherine Ffp2
3 Minuti di Lettura
Venerdì 1 Luglio 2022, 00:10

RIETI - In presenza dei fedeli e lungo il tradizionale percorso cittadino. E dopo due anni in cui la statua di Sant’Antonio, causa covid, non si è neppure affacciata in città, è una bella conquista. Ma la pandemia è ancora presente e a un rinnovato pericolo di contagio si dovrà quest’anno sommare anche il fattore caldo. Tanto che il Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica, che mercoledì si è tenuto in Prefettura, si è soffermato a lungo sugli aspetti organizzativi della tradizionale processione dei Ceri in onore di Sant’Antonio, che si terrà domenica 3 luglio prossimo, con particolare riferimento proprio ai profili sanitari.

La riunione. Al termine di un’articolata discussione, si è concordato, anche in previsione delle alte temperature che potrebbero registrarsi domenica, di adottare alcune importanti misure precauzionali. Intanto, la mascherina, il cui uso - e parliamo della mascherina Ffp2 - è stato fortemente raccomandato in presenza di assembramenti. E’ chiaro il riferimento ai fedeli che, all’uscita della statua, durante tutto il percorso della processione e di nuovo nel ritorno in chiesa, sarà difficile se non impossibile tenere distanziati.

Se la mascherina Ffp2 sarà di fatto necessario portare per seguire o semplicemente vedere la processione, identica raccomandazione non è stata fatta per i portatori della macchina del santo, per l’oggettiva difficoltà degli stessi di mantenere il distanziamento. I portatori, però, il giorno stesso della processione dovranno sottoporsi a tampone obbligatorio per evitare che possano diventare focolaio di contagio. 

Il fattore caldo. La Prefettura ha inoltre disposto di assicurare la disponibilità di quantità adeguate di bottiglie d’acqua lungo il percorso, di verificare la presenza diffusa e in numero adeguato di presidi medico-sanitari per intervenire tempestivamente in caso di malori ed adottando idonee misure per assicurare il passaggio dei mezzi di soccorso, in caso di necessità. Che la processione abbia inizio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA