Rieti, pescatore reatino aggredito nella notte a Paterno. La famiglia: «Aiutateci a risalire agli aggressori»

Domenica 12 Luglio 2020 di Marco Ferroni
RIETI - Disavventura notturna per un pescatore 48enne originario di Castel Sant'Angelo che, nella notte tra sabato 11 e domenica 12 luglio, mentre era intento nella pesca nel lago di Paterno è stato aggredito da altri due pescatori, ai quali aveva intimato di non poter stare all'interno del bacino con il gommone.

Il pescatore, prima spintonato, poi è stato colpito alla nuca con un corpo contundente, che gli ha provocato un taglio ed un trama cranico. Subito soccorso da un altro gruppo di pescatori presenti in zona, che hanno immediatamente chiamato il 112 e il 118. Sul posto una pattuglia dei Carabinieri della stazione di Cittaducale ed un'ambulanza che ha trasportato il malcapitato in ospedale dove gli è stata riscontrata una ferita suturata con un punto per la quale però sono ancora in corso altri esami strumentali.

La famiglia si appella a chi può aver visto la scena per risalire agli aggressori, presumibilmente persone non del posto. Il pescatore ha sporto denuncia ed ora saranno gli stessi Carabinieri della Stazione di Cittaducale ad avviare le indagini del caso.  Ultimo aggiornamento: 12:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA