Fara Sabina, operatori senza stipendi
e raccolta dei rifiuti a singhiozzo

Martedì 9 Aprile 2019 di Raffaella Di Claudio
I rifiuti non raccolti
RIETI - Raccolta dei rifiuti a singhiozzo nel comune di Fara Sabina. Oggi gli utenti di Talocci, Passo Corese (alcune vie), Stallone, Valle Falsa e Prime Case hanno segnalato ritardi nel ritiro di plastica e pannolini. In alcuni casi i secchi non sono stati proprio svuotati.
Contattato, l’assessore ai Lavori pubblici Tony La Torre si è limitato a dire che gli operatori “stanno un po’ in ritardo, può succedere”, assicurando che tutti i secchi sarebbero stati svuotati. Alcune zone sono state raggiunte alle tre del pomeriggio, altre sembrano essere rimaste scoperte.

LE CAUSE
Da quanto emerso, però, i ritardi non sembrano essere stati casuali. Ma arrivano al termine di un periodo difficilissimo per gli operatori Avr, costretti a carichi di lavoro intensi, perchè sottoreganico, e senza ricevere puntualmente lo stipendio come prevederebbe il contratto.
“I lavoratori erano in attesa di ricevere lo stipendio dal 15 marzo e molti di loro questa mattina non hanno potuto prendere servizio, perché non avevano nemmeno i soldi per mettere la benzina – spiegano i rappresentanti sindacali – Quindi l’organico, già esiguo, è stato ulteriormente ridotto e il servizio inevitabilmente ne ha risentito. Da quanto ne sappiamo gli stipendi sono stati erogati nella tarda mattinata di oggi. Ma la situazione nel cantiere Avr di Fara Sabina resta molto critica. Noi avevamo già indetto uno sciopero per il 13 aprile. Per il momento lo abbiamo sospeso, in attesa di capire quando e se verranno erogati i prossimi stipendi. Anche perché non è pensabile che in vista della Pasqua i lavoratori non vengano pagati”. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il percorso ad ostacoli dei turisti della Capitale

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma