ELEZIONI EUROPEE 2019

Ue al bivio, sfida finale tra sovranisti ed europeisti: in gioco il futuro del continente

Sabato 25 Maggio 2019
Ue al bivio, sfida finale tra sovranisti ed europeisti: in gioco il futuro del continente

È la sfida finale tra sovranisti ed europeisti, tra chi vuole ridare competenze agli Stati sottraendole a Bruxelles e quanti invece vogliono continuare a percorrere la strada di una maggiore integrazione. Più che la tradizionale contrapposizione tra destra e sinistra, tra popolari e socialisti, è questa la faglia che, dai Baltici al Mediterraneo, attraversa l'Europa nel voto cruciale che si chiude domani sera e che potrebbe trasformare per sempre il futuro dell'Unione. Populisti e sovranisti arrivano alle urne con il vento in poppa, anche se i primi segnali che vengono dall'Olanda sembrano indicare il contrario.

Elezioni, la diretta "La notte dell'Europa": una non stop di 24 ore

A bordo del Carroccio europeo guidato da Matteo Salvini e da Marine Le Pen (in testa nei sondaggi in Francia) sono saliti i tedeschi di AfD, i finlandesi del Finn Party, i danesi del Folkspartei e gli austriaci del Fpoe, espulsi questi ultimi dal governo di Vienna dopo l'affaire Strache. Un posto è riservato anche alla formazione dell'olandese Geert Wilders, che però secondo gli exit poll non avrebbe ottenuto nemmeno un seggio all'Europarlamento, mentre le trattative sono tutte in salita per i polacchi del Pis, in rotta di collisione con la leader francese. Salvini e company si giocano il tutto e per tutto, con l'ambizione di ottenere il maggior numero di seggi ed essere determinanti nell'emiciclo di Strasburgo.

Piemonte al voto: tutto quello che c'è da sapere prima del 26 maggio
 


Europee, regionali, comunali 2019: tutto quello che c'è da sapere sul voto di domani

Obiettivo è far diventare il neonato gruppo almeno la terza forza all'Europarlamento, scompaginando le attuali divisioni politiche, negoziando eventuali alleanze con i Conservatori e magari spaccando pure il fronte dei Popolari. Ad unire tali forze è il tema del controllo dei confini legato ai migranti ma soprattutto il concetto di patria contrapposto al detestato centralismo di Bruxelles. L'asse Berlino-Parigi, in una nuova riedizione dopo il vertice di Aquisgrana fra Emmanuel Macron e Angela Merkel, ha ulteriormente riacceso le per nulla sopite tendenze nazionaliste in numerosi Paesi ed esacerbato le tensioni, soprattutto a ridosso della campagna elettorale. Un nazionalismo che si è sposato con le tendenze illiberali già presenti in alcuni Paesi dell'Unione come l'Ungheria e la Polonia, tradotte nel mancato rispetto dello stato di diritto nel primo e in uno scontro sul sistema giudiziario nel secondo.

Elezioni europee, tutto quello che c'è da sapere. Guida al voto del 26 maggio

Ad opporsi a questi scenari le forze europeiste, pronte a costruire un'alleanza progressista che va dal premier greco Alexis Tsipras fino al presidente francese. Un arco politico con in mezzo i Socialisti e Democratici di Frans Timmermans che corteggia i Verdi e lascia aperta la porta al dialogo con i Popolari di Manfred Weber, che dopo il tracollo alle politiche in Spagna sperano adesso in un risultato positivo soprattutto in Germania per poter mantenere il primato a Strasburgo anche nella prossima legislatura.

Europa al voto, appuntamento cruciale per il futuro della Ue

C'è poi il variegato fronte delle forze populiste euroscettiche, né di destra né di sinistra, che mira non a distruggere ma a rifondare l'Europa sul concetto di democrazia diretta. Una galassia politica che ha la stella polare nel Movimento 5 Stelle al governo in Italia e che spazia dagli ambientalisti estoni di Elurikkuse Erakond di Artur Talvik ai polacchi di Kukiz'15 guidati da Pawel Kuzik fino ai finlandesi di Liike Nyt. Nel futuro gruppo anche i greci del partito dell'agricoltura e dell'allevamento Akkel e gli ambientalisti croati di Zivi Zid.

Ultimo aggiornamento: 26 Maggio, 00:06 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il percorso ad ostacoli dei turisti della Capitale

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma