PIEMONTE ELEZIONI REGIONALI

Piemonte al voto: tutto quello che c'è da sapere prima del 26 maggio

Sabato 25 Maggio 2019
Piemonte al voto: tutto quello che c'è da sapere prima del 26 maggio

Domenica 26 maggio gli italiani saranno chiamati alle urne. Nella stessa giornata si voterà per rinnovare il Parlamento Europeo, i sindaci e i consigli di 3.800 Comuni, e in Piemonte verranno eletti governatore e Consiglio regionale.

Le urne si apriranno alle 7 di mattina e si chiuderanno alle 23. Lo spoglio delle schede inizierà soltanto il giorno successivo, lunedì 27 maggio a partire dalle ore 14, non appena saranno concluse le operazioni per le europee. Si voterà in un'unica giornata e non è previsto il ballottaggio. Questo significa che a diventare Governatore sarà il candidato che otterrà più voti. 

Elezioni europee, tutto quello che c'è da sapere. Guida al voto del 26 maggio

Comunali 2019, tutto quello che c'è da sapere: alle urne 239 città sopra i 15 mila abitanti
 


I candidati. A partecipare alla corsa per la poltrona di governatore saranno in quattro. Sergio Chiamparino, 71 anni,Partito Democratico, è il presidente uscente ed ha alle spalle una storia ventennale nelle istituzioni piemontesi. Eletto nella Camera dei deputati nella circoscrizione Piemonte nel 1996, dal 2001 è diventato sindaco di Torino, carica ricoperta fino al 2011. Nel 2014 viene eletto Presidente della Regione con quasi il 47% dei voti. È sostenuto da una lista di centrosinistra.

Secondo gli ultimi sondaggi Ipsos, le elezioni saranno un testa-testa tra Chiamparino e Alberto Cirio, il candidato di una coalizione di centrodestra composta da Forza Italia, Lega, Fratelli d'Italia, UDC e “Piemonte nel cuore”. Quarantasette anni, Cirio in passato è stato vice sindaco di Alba e consigliere comunale con la Lega Nord. Nelle Dal 2010 al 2014 ha ricoperto la carica di assessore all’Istruzione, Sport e Turismo della Regione Piemonte e alle elezioni del  2014 è stato eletto al Parlamento Europeo per Forza Italia.

Sondaggi Ipsos

Giorgio Bertola, 49 anni, è il candidato del Movimento 5 Stelle. Originario di Moncalieri, con 1.540 voti ha avuto la meglio su Luca Zacchero, nella votazione online sulla piattaforma Rousseau. Dopo anni lontano dalla politica in cui ha lavorato in ambito commerciale, nel 2008 si è unito ai gruppi “Meetup” degli Amici di Beppe Grillo. Alle elezioni del 2014 è stato eletto per la prima volta in Consiglio regionale nella circoscrizione di Torino.

Il quarto candidato è Valter Boero, docente universitario, ex consigliere comunale a Torino e presidente per il Piemonte del Movimento per la Vita. È sostenuto dalla lista "Il Popolo della Famiglia".
 

 

Consiglio regionale. Domenica 26 maggio si voterà anche per rinnovare i 50 consiglieri regionali con un sistema elettorale misto: in parte proporzionale e in parte maggioritario. Quaranta consiglieri saranno eletti con il proporzionale e i loro seggi saranno suddivisi su base provinciale. Gli altri 10 consiglieri verranno eletti con il sistema maggioritario: andranno alla lista del presidente eletto, come una sorta di premio di maggioranza.

Ci sarà una soglia di sbarramento, fissata al 3% ed è inoltre sarà possibile ricorrere al voto disgiunto, vale a dire esprimere una preferenza per il candidato presidente ed un'altra per una lista a lui non collegata.

Per poter votare bisognerà esibire alle urne un documento di riconoscimento valido e la tessera elettorale.

Ultimo aggiornamento: 18:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

La partitella sulla spiaggia: evento top e incubo bagnanti

di Mimmo Ferretti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma