GOVERNO

Conte vede Salvini e Di Maio: «Accelerare i confronti per ripartire». Poi, sale al Colle da Mattarella

Mercoledì 29 Maggio 2019
Conte vede Salvini e Di Maio: «Accelerare i confronti per ripartire». Poi, sale al Colle da Mattarella

Sembrava tutto perduto, ora c'è un «moderato ottimismo». È il primo pomeriggio, quando Giuseppe Conte sale al Quirinale dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella e lo aggiorna sulla crisi innescata nel suo governo dal ribaltone elettorale della Lega sui Cinque stelle. In mattinata ha visto Matteo Salvini e poi Luigi Di Maio. Incontri separati da due ore ciascuno. Solo un vertice a tre potrà essere risolutivo: si balla ancora sul filo della rottura, si andrà avanti solo se i vicepremier troveranno un nuovo modo di convivere.

M5S al referendum su Di Maio. Grillo: «Vai avanti»

Salvini: «Se nel M5S prevale Di Battista il governo chiude»
 

La crisi non è scampata ma un sentiero ora c'è. I focolai di crisi sono tutti ben visibili. C'è la lettera Ue che prelude alla richiesta di una manovra correttiva (Conte ne discute con Giovanni Tria). Ma c'è anche la sentenza sul viceministro leghista Edoardo Rixi che è attesa ad ore: se arriverà una condanna nel processo sulle «spese pazze» la richiesta M5s di dimissioni sarà immediata e si aprirà subito un fronte non facile da governare.

Ai suoi vice, che riceve nel suo studio al primo piano di Palazzo Chigi, il premier chiede quali siano le loro intenzioni ed elenca le sue priorità per «rilanciare» l'azione del governo: «Ho elaborato un'agenda fitta di misure e provvedimenti da attuare che ci impegnerà per il resto della legislatura», spiega, chiedendo di «accelerare» le valutazioni politiche per fare «chiarezza» presto.

Di Maio chiede tempo per mettere ordine nel caso M5s. Conte e Salvini glielo concedono: si vedranno, nel vertice a tre e in Consiglio dei ministri, solo dopo che l'elaborazione della sconfitta nel Movimento si sarà compiuta. Salvini ai festanti parlamentari leghisti che incontra alla Camera fa un discorso che suona più o meno così: «Ho detto a Conte che io auspico che il governo vada avanti quattro anni. Certo, non posso dire con certezza se durerà quattro anni o invece solo uno o due». «Per andare avanti bisogna essere in due e non so se i nostri compagni di viaggio vadano nella nostra stessa direzione», prosegue, passando il cerino della crisi a Di Maio. Solo lui può garantirgli che nel Movimento «non prevalga la linea di Di Battista» (o di Grillo), quella «dei no e delle barricate».

Il leader della Lega presenta le sue priorità: in cima c'è la proposta di flat tax della Lega e anche la sfida per riformare l'Europa, ma Salvini assicura di essere «pronto» su tutti i dossier, dalla Tav all'autonomia (al premier chiede due Sì). Su giustizia, difesa e ambiente chiede di correggere la rotta. Una sterzata leghista all'azione del governo: «Non voglio strappi o poltrone ma un'accelerazione», dice a Conte. Se non sarà possibile, «non ci sono maggioranze alternative».

L'alternativa, fa capire Salvini, è solo il voto. I leghisti si tengono pronti. Intanto M5s e Lega ribollono. Dall'una e dall'altra parte c'è chi è convinto che il governo non debba andare avanti, per ragioni assai diverse: gli uni temono di finire a fare da stampella della Lega; gli altri vogliono subito capitalizzare il consenso registrato alle europee ed evitare il logoramento che potrebbe venire da una manovra correttiva estiva subito seguita da una difficile legge di bilancio in autunno. Si sente anche la tendenza conservativa dei parlamentari pentastellati che temono di non essere rieletti o di essere esclusi dalla politica dal vincolo dei due mandati.

Ma l'ipotesi di un voto anticipato a settembre o - meno probabile - a ottobre torna a circolare in transatlantico, alimentando ipotesi suggestive ma rese difficili dai numeri, come quella di un cambio di maggioranza, con il centrodestra che fa il ribaltone con una pattuglia di transfughi pentastellati. Nel pomeriggio Conte aggiorna Mattarella sui suoi colloqui: «Moderato ottimismo», trapela alla fine. Al Colle Conte potrebbe tornare dopo il vertice a tre con Di Maio e Salvini. Per ora si attende che si plachi il caos nel Movimento. Di Maio chiede ai suoi parlamentari se il governo debba andare avanti. E ai militanti M5s chiede fiducia sul blog. Beppe Grillo e Davide Casaleggio si schierano con lui (e le parole di quest'ultimo vengono interpretate come un via libera alla prosecuzione del governo). Come andare avanti senza subire lo strapotere leghista, si vedrà dopo.

Ultimo aggiornamento: 21:15 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Vacanze studio all’estero: «Ciaone» e zero contatti

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma