SOLEIMANI

Iran, Khamenei voleva colpire duro ma gli ayatollah non vogliono la guerra. Camera Usa limita poteri di guerra Trump

Giovedì 9 Gennaio 2020
Iran, Khamenei voleva colpire duro gli Usa ma gli ayatollah non vogliono la guerra

Una vendetta calcolata, evitando accuratamente vittime americane. Nei giorni in cui milioni di iraniani invadevano le piazze per commemorare il generale «martire» Qassem Soleimani, i vertici della Repubblica islamica cercavano di sciogliere il dilemma sulla strategia migliore per la rappresaglia ritenuta inevitabile. Secondo la ricostruzione di un diplomatico di Teheran, a confronto c'era chi avrebbe voluto una risposta almeno equivalente - in altre parole, il tentativo di uccidere un alto ufficiale a stelle e strisce - e chi puntava invece su una reazione spettacolare, ma senza conseguenze irreparabili.

Intanto la Campera dei Rappresentanti Usa ha votato la limitazione dei poteri di guerra per Donald Trump. La risoluzione dovrà ora passare il vaglio del Senato a maggioranza repubblicano.

Iran, allerta Usa per attacchi con i droni. Khamenei: «Vendetta»
 

Attacco Iran, ha vinto la linea di Shmakhani

L'opzione più prudente avrebbe il timbro del segretario del Consiglio supremo di sicurezza nazionale, il contrammiraglio Ali Shmakhani, che alla vigilia dei raid contro le basi Usa in Iraq aveva indicato 13 possibili «scenari» per la vendetta. Veterano della devastante guerra contro Saddam Hussein degli anni Ottanta ed ex comandante dei Pasdaran, sarebbe stato lui a spingere per i missili telefonati, riconoscendo che l'uccisione di soldati americani avrebbe condotto a una «guerra totale» difficile da sostenere per il popolo iraniano, già fiaccato da anni di draconiane sanzioni.
 
 

Aereo caduto in Iran, gli 007 Usa: «Abbattuto da missili di Teheran». Trump: «Qualcuno ha sbagliato»

Un'economia di guerra, era il timore, avrebbe messo definitivamente in ginocchio il Paese e a rischio lo stesso sistema di potere degli ayatollah, dopo le furiose proteste di neppure due mesi fa contro il caro benzina represse nel sangue. A volere una risposta più dura, suggerisce la stessa ricostruzione, sarebbe stata invece la cerchia ristretta della Guida suprema Ali Khamenei, preoccupato di non sembrare «debole» e già con lo sguardo alla sua eredità storica, «per non essere ricordato come il leader che si è arreso agli americani». Se per ora ha prevalso la prudenza, la partita non sembra certo chiusa.

L'ambasciatore dell'Iran all'Onu: «Non vogliamo la guerra con gli Usa»

L'obiettivo di lungo termine resta quello di creare le condizioni per una conclusione, o almeno una riduzione, della presenza militare Usa nella regione, magari tornando al logoramento per procura attraverso le milizie filo-Teheran disseminate dall'Iraq al Libano, senza quel «timbro» ufficiale che Khamenei ha voluto sull'operazione «Soleimani martire». Una verifica interna arriverà in ogni caso tra 40 giorni, quando gli iraniani saranno chiamati alle urne per rinnovare il Parlamento. Un appuntamento che secondo gli analisti sarà una questione tra conservatori e integralisti, con i riformisti costretti a un ruolo marginale, quando non decisi a boicottare del tutto il voto per un'Assemblea in cui temono di non poter cambiare le cose.

Trump all'Iran: ora un nuovo accordo sul nucleare o via a sanzioni
 

Ultimo aggiornamento: 10 Gennaio, 09:51 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma