Paolo Belli al Teatro dell'Unione con il nuovo spettacolo "Pur di far commedia"

Paolo Belli
di Carlo Maria Ponzi
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 30 Marzo 2022, 12:00

Paolo Belli onora l’appuntamento con il pubblico Viterbese, recuperando lo spettacolo previsto il 5 marzo e poi annullato per cause di forza maggiore. Dopo aver festeggiato i suoi 60 anni (è nato il 21 marzo), arriva al Teatro Unione del capoluogo il 30 marzo per presentare, archiviate le fatiche di “Ballando con le stelle”, il suo ultimo lavoro “Pur di far commedia”, scritto insieme ad Alberto Di Risio.

La commedia è ambientata in una sala prove dove Paolo tenta tra mille difficoltà di allestire uno spettacolo, tra musicisti e attori ritardatari e personaggi surreali che cercano ogni occasione per guadagnare la ribalta. “Pur di far commedia” è l’occasione per raccontare in chiave comica episodi di vita vissuta, aneddoti e leggende di una carriera lunga 30 anni. Tutti elementi che porteranno Paolo a doversi districare tra equivoci, paradossi ed eccessi di protagonismo, per cercare comunque di portare a casa “la serata”, raccontando la vita quotidiana di chi fa questo mestiere con grande dedizione malgrado le mille difficoltà. Più che lodata dalla critica, l’opera intreccia canzoni e risate, va alla scoperta di personaggi improbabili ma che si dedicano senza limiti a realizzare il sogno di vivere seguendo la propria passione.

Come nel precedente “Pur di fare musica”, Belli rispolvera la sua cifra stilistica: lasciare più spazio al parlato, ai racconti e all’interazione con il pubblico, scandendo tanti ricordi che riescono a coinvolgere gli spettatori, emozionando ed emozionandosi, ripensando (non senza ironia) al percorso finora compiuto. Non manca ovviamente la musica, che fa da collante naturale a una serie di gag esilaranti, per un nuovo ed irresistibile mix di risate e canzoni. Insieme a Belli, sette musicisti: Juan Carlos Albelo Zamora, Gabriele Costantini, Mauro Parma, Enzo Proietti, Gaetano Puzzutiello, Peppe Stefanelli, Paolo Varoli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA