Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Umbria Jazz winter, cambio di programma: a Orvieto primo dell'anno con Enrico Rava

Il rimborso del biglietto potrà essere richiesto entro le ore 12 del 1 gennaio

Umbria Jazz winter, cambio di programma: a Orvieto primo dell'anno con Enrico Rava
3 Minuti di Lettura
Venerdì 31 Dicembre 2021, 13:23 - Ultimo aggiornamento: 13:51

PERUGIA - Lo Special Edition Sextet di Enrico Rava sostituisce il previsto concerto di “Al Gir dal Bughi”. Per festeggiare il suo ottantesimo compleanno, nel 2019, Enrico Rava si è fatto un regalo d’eccezione: allestire una “Special Edition” che raccoglieva alcuni dei talenti da lui scoperti e lanciati negli anni recenti. Un ottantenne, Rava, che, come accade per i grandi jazzmen, non perde mai quella freschezza di idee che porta a inventare formule e progetti, costruire inedite partnership artistiche, scoprire e valorizzare musicisti emergenti.

Per esempio, Rava Under 21 e New Generation. Insomma, anche circondandosi di nuove leve, Rava ha continuato a curiosare tra le pieghe della musica e di conseguenza ad innovare. Della Special Edition fanno parte Francesco Bearzatti, Giovanni Guidi e la sezione ritmica del New Quartet che vinse nel 2015 il referendum di Musica Jazz: Francesco Diodati alla chitarra, Gabriele Evangelista al contrabbasso e Enrico Morello alla batteria. Oggi sono tutti protagonisti della scena italiana (e non solo) del jazz. È forse inutile sottolineare ancora una volta quanto Rava abbia inciso sullo sviluppo del jazz italiano ed europeo. Il free jazz dei primi anni della carriera con Steve Lacy e Gato Barbieri, l’esperienza newyorkese con Cecil Taylor, Carla Bley e la JCO (la monumentale opera della Bley, Escalator Over The Hill), gli incroci con l’avanguardia europea, la scoperta dell’opera lirica in chiave jazz, le collaborazioni con alcuni dei più importanti artisti della scena contemporanea: sono capitoli, più che di una singola biografia, della storia del jazz italiano.  

Rimane confermato il set di Sarah McKenzie-Romero Lubambo-Jaques Morelenbaum

Il rimborso del biglietto potrà essere richiesto entro le ore 12 del 1 gennaio inviando un’email a internet@boxol.it per gli acquisti online, oppure recandosi presso il punto vendita.

© RIPRODUZIONE RISERVATA