CORONAVIRUS

Terni, al via la quinta edizione dell'Umbria Green Festival

Martedì 15 Settembre 2020 di Daniele Sorvillo
locandina dell'Umbria Green Festival

TERNI Le restrizioni e i limiti imposti dalla situazione epidemiologica nazionale e locale non fermano l’azione dell’Umbria Green Festival che, organizzato dall’Associazione culturale De Rerum Natura e dalla Techne srl di Luciano e Daniele Zepparelli, è giunto ormai alla quinta edizione e si terrà tra giovedì 17 e domenica 20 settembre, nella ormai consueta forma itinerante, tra Terni, Narni, Assisi e Perugia, coinvolgendo anche luoghi importanti dal punto di vista naturalistico e paesaggistico come Carsulae o la foresta fossile di Dunarobba: «Sono molto contento – racconta Daniele Zepparelli – e devo dire che il festival non ha subito particolari condizionamenti causati dalla gestione del covid-19, grazie alle sinergia tra noi e le istituzioni coinvolte».
Sviluppo sostenibile. Questa nuova edizione avrà, inoltre, il significativo patrocinio dell’ASviS (Alleanza italiana per lo sviluppo sostenibile), organizzazione ministeriale nata per far crescere la consapevolezza dell’importanza dell’Agenda 2030, e vedrà la partecipazione in videoconferenza del portavoce, Enrico Giovannini e il gemellaggio con il Festival nazionale dello sviluppo sostenibile. Sono quattro le parole d’ordine intorno a cui si articolerà il calendario degli eventi previsti dagli organizzatori: innovazione, per trasformare l’Umbria in una destinazione d’eccellenza di un turismo emozionante e sostenibile; accessibilità, per favorire la mobilità elettrica in particolare, in grado di generare una conoscenza del patrimonio storico e naturalistico regionale, nel suo pieno rispetto; formazione, per promuovere l’educazione dei giovani e degli adulti verso stili di vita più sani e rispettosi dell’ambiente; informazione, per sensibilizzare tutti verso un progresso ambientale, sociale ed economico in grado di lasciare alle nuove generazioni una qualità di vita identica o, perché no, migliore dall’attuale.

I nomi. Tanti i nomi di spicco che animeranno i quattro giorni di incontri e spettacoli: una successione di eventi che verranno svolti in piena sicurezza e nel rispetto pieno dei protocolli di contenimento del covid-19, in grado di spaziare dalla formazione sui temi essenziali dello sviluppo sostenibile, soprattutto in chiave locale, fino ad arrivare all’intrattenimento culturale, senza tralasciare occasioni di sperimentazione della mobilità elettrica all’interno del territorio umbro.

Il calendario. Il calendario completo degli eventi, tra i quali spiccano quelli che vedranno la partecipazione di Luca Mercalli, Mario Tozzi, Valerio Rossi Albertini e Amitav Ghosh, è disponibile sul sito del Festival (www.umbriagreenfestival.it, quasi tutti ad accesso gratuito e all’aperto, con prenotazione obbligatoria). Ovviamente i momenti formativi sono particolarmente importanti in chiave di sensibilizzazione sui temi dei cambiamenti climatici e della mobilità alternativa: «Fin dalla prima edizione – afferma Daniele Zepparelli – il nostro obiettivo è stato quello di portare avanti momenti di incontro civico, con l’appoggio di alcune associazioni presenti sul territorio ternano: il Garden Club, l’Associazione Gutemberg e la Pro Natura, insieme con la fondazione Carit, sono fondamentali per l’approfondimento dei temi che ci stanno a cuore all’interno delle scuole. L’anno scorso abbiamo coinvolto circa 1500 studenti e quest’anno, pur con le difficoltà del caso, ci muoveremo nella stessa direzione». A dimostrazione di ciò, tutti i materiali prodotti dal Festival (appuntamenti, dibattiti e reading) saranno donati gratuitamente alle scuole che ne faranno richiesta: puntare sulle nuove generazioni significa, infatti, costruire oggi il nostro futuro.

Ultimo aggiornamento: 19:30 © RIPRODUZIONE RISERVATA