Svelata la line-up di Moon in June:
Patti Smith, Beth Orton, Max Gazzè
e tanti altri pronti ad emozionarsi
per un tramonto al Lago Trasimeno

Svelata la line-up di Moon in June: Patti Smith, Beth Orton, Max Gazzè e tanti altri pronti ad emozionarsi per un tramonto al Lago Trasimeno
di Michele Bellucci
4 Minuti di Lettura
Mercoledì 25 Maggio 2022, 19:29 - Ultimo aggiornamento: 26 Maggio, 19:01

PERUGIA - È tutto pronto per l’edizione 2022 di Moon in June, il festival musicale itinerante che pone al centro del suo impegno la valorizzazione del Lago Trasimeno e del territorio circostante, grazie alla creazione di una sinergia tra ambiente lacustre e proposta artistica volta alla narrazione di un turismo consapevole. Il ricco cartellone prenderà il via dall’Isola Maggiore con due giorni di live al tramonto il 18 e 19 giugno: «I nostri concerti sono frequentati per lo più da gente che viene da fuori regione - ha spiegato Patrizia Marcagnani, direttore artistico e motore del festival - e di questo ne abbiamo certezza perché ci informano le agenzie di prevendita dei biglietti. Quest’anno con il ritorno allo spettacolo dal vivo dopo lo stop della pandemia abbiamo provato a coinvolgere artisti di respiro internazionale, proprio per cercare di riportare turisti che vengono da lontano e magari fanno un weekand o una settimana di vacanza al Lago Trasimeno. Io come direttrice artistica cercherò sempre di andare oltre i soliti nomi che si vedono in tanti festival pop italiani, più che il “nome grosso” mi interessa inserire personalità artistiche importanti, perché solo così si arricchisce la nostra programmazione. Quest’anno sono particolarmente fiera di portare la voce evocativa di Beth Orton e finire in bellezza con un progetto jazz sulla musica di uno dei più importanti pianisti italiani, Ramberto Ciammarughi, che si confronterà con due musicisti di alto livello come Gabriele Mirabassi e Flavio Boltro».

Il programma è stato presentato ieri in conferenza stampa, svelando che oltre all’Isola Maggiore i concerti si svolgeranno anche a Castiglione del Lago, Passignano, Magione (San Feliciano), Panicale e Città della Pieve. Si parte sabato 18 giugno con l’atteso concerto di Max Gazzè, che proporrà un progetto semiacustico in rispetto dei lidi lacustri e pensando all’inquinamento sonoro e a quello luminoso, per un live decisamente sostenibile. In apertura si esibirà Elisa Coclite, in arte Casadilego, scoperta dal talent X Factor nel 2020 (inizio alle 19.45). Domenica 19 sarà la volta di un progetto dedicato a Pinocchio e alle musiche che Fiorenzo Carpi scrisse per lo sceneggiato tv del 1972 “Le avventure di Pinocchio” diretto da Luigi Comencini. Sul palco l’ensemble degli Esecutori di Metallo su Carta diretto da Marcello Corti, con la partecipazione straordinaria di Francesco Bianconi, già voce della band Baustelle, alla lettura e alla voce. In apertura un altro omaggio, quello all’amico del festival Moon in June Gianni Versiglioni scomparso prematuramente; lo spettacolo “Bob Dylan per un amico” vedrà salire sul palco Billy Shaker and the infidels, ovvero Billy Shaker (voce, chitarra, armonica), Roberto Giuli (voce e tastiere), Fausto Goracci (chitarra), Marco Matteucci (basso), Angelo Di Dio (batteria) e Toti Panzanelli (chitarra).

Il 25 giugno ci si sposterà a Castiglione del Lago con la presentazione del libro “Rai stereo notte” alla presenza dell'autore Giampiero Vigorito e con il concerto del cantautore emiliano Andrea Chimenti. Il giorno successivo alla Rocca Medievale di Castiglione del Lago il grande ritorno di Patti Smith in Umbria: con l’evento “An evening of poetry and music” proporrà uno spettacolo acustico ed intimo tra musica e poesia accompagnata dal figlio Jackson Smith alla chitarra. Bisignerà invece attendere il 21 luglio per poter ascoltare la cantautrice folk inglese Beth Orton che si esibirà sul lungolago di Passignano in esclusiva per Moon in June nell’unica data italiana del suo tour. Molti suoi celebri brani sono stati utilizzati in sere televisive come Felicity, Streghe, Dawson's Creek e Grey's Anatomy, oltre che per il grande schermo per film come Vanilla Sky e Il divo. Nel 2000 è stata insignita del Brit Award come Miglior artista femminile inglese.

Previsti anche alcuni eventi gratuiti: il 18 agosto a San Feliciano attese Petra Magoni alla voce e Ilaria Fantin all’arciliuto, per un concerto con brani di Sinéad O’Connor, Fabrizio De André, Domenico Modugno, Joni Mitchell, Deep Purple e altri. Prima presentazione di “Inchiostro”, progetto di brani originali di Anna Panzanelli; con lei (voce e pianoforte) ci saranno Pietro Mirabassi (sax), Toti Panzanelli (chitarra), Ruggero Bonucci (basso) e Nicola Pitassio (batteria). L’edizione 2022 di Moon in June si chiuderà a Città della Pieve il 28 agosto con “Flavio Boltro, Gabriele Mirabassi play Ciammarughi”, un vero e proprio omaggio al jazz nostrano; in apertura di serata spazio al progetto Mora, con Miriam Fornari (voce e pianoforte), Ruggero Fornari (chitarra), Joe Rehmer (basso), Evita Polidoro (batteria). Alla conferenza stampa di ieri ha partecipato anche la presidente della Regione Umbria Donatella Tesei: «È un festival in cui crediamo - ha dichiarato - e che abbiamo voluto sostenere, perché va nella direzione dei grandi eventi e della necessità di fare squadra. È questo il modo giusto di far conoscere e valorizzare i nostri territori, in questo caso del Trasimeno, e in generale la nostra regione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA