“Mia Martini, fammi sentire bella”, su Rai3 un docufilm a 25 anni dalla scomparsa

Mia Martini
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 5 Febbraio 2020, 18:47

Mia Martini, fammi sentire bella, é il docufilm di Indigostories prodotto da Alessandro Lostia con la regia di Giorgio Verdelli, a 25 anni dalla scomparsa della grande artista.
Giovedì 27 febbraio na in onda in prima serata su Rai3 con Sonia Bergamasco a guidare lo spettatore attraverso un racconto a più voci narrato da coloro che con Mimì hanno realmente condiviso la vita e i momenti della sua carriera, dagli esordi all’abbandono delle scene, dal ritorno a Sanremo fino alla sua morte: dai ricordi della famiglia - con le sorelle Loredana, Leda e Olivia, e i nipoti Luca e Manuela, alle testimonianze di colleghi e amici, come Caterina Caselli e Dori Ghezzi, e dei grandi autori che per lei hanno scritto canzoni senza tempo. Un ritratto originale che, anche grazie a un intenso lavoro di ricerca, attraverso filmati esclusivi, interviste mai pubblicate e rarità, restituisce una Mia Martini inedita: non solo l’artista fragile dipinta dalle cronache musicali di quegli anni, ma la donna capace di regalare «quella risata che arrivava sempre, anche quando era ferita a morte» e un’interprete che non ha mai perso lo smalto e la qualità anche nei momenti più bui. Fammi sentire bella è una fotografia del suo «spirito libero», difficile da collocare in una qualsiasi delle categorie di genere della musica italiana, e per questo così grande e attuale. Raccontarla è anche descrivere un pezzo importante del nostro passato prossimo, facendo arrivare anche ai giovani, che magari l’hanno scoperta su YouTube o dai social network, la sua immensa capacità espressiva, l’esigenza di vivere e fare sua ogni canzone, rendendola immortale. Lo speciale contiene anche il nuovo singolo Fammi sentire bella che dà il nome al docufilm: il brano, scritto da Giancarlo Bigazzi e da Angelo Valsiglio e pubblicato postumo da Sugar, sarà disponibile in tutti gli store digitali e sulle piattaforme streaming dal 28 febbraio. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA