Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Mediaset, palinsesti 2022-2023: Luca Argentero a Striscia, Orietta Berti al Gf Vip. Torna "La Talpa" (ma il conduttore è top secret)

Tra le novità il ritorno di Piero Chiambretti in prima serata, con Talentissimo me su Canale 5, una serata evento per il trentennale di Mai dire goal, il ritorno di Zelig e di Michelle Impossible

Mediaset, palinsesti 2022-2023: Luca Argentero a Striscia, Orietta Berti al Gf Vip. Torna "La Talpa" (ma il conduttore è top secret)
di Ilaria Ravarino
4 Minuti di Lettura
Giovedì 30 Giugno 2022, 13:15 - Ultimo aggiornamento: 15:08

Luca Argentero, l’uomo dei record della fiction Rai, cambia casacca: si leva quella da medico, indossata per due stagioni di Doc nelle tue mani, per mettersi la giacchetta da conduttore di Striscia la notizia, lo storico programma Mediaset che guiderà dal prossimo autunno in coppia con Alessandro Siani. Il ritorno a casa del figliol prodigo (fu Il Grande Fratello a lanciarlo, nel 2003) è solo una delle novità annunciate ieri a Milano, negli studi 20 di Cologno Monzese, dal vicepresidente Mediaset e amministratore delegato Piersilvio Berlusconi nella rituale cena con la stampa. Un annuncio “informale” dei palinsesti - aperitivo, cena, intrattenimento e “after” incluso - che ha permesso all’azienda di auto celebrare i propri successi (in particolare la vittoria negli ascolti di Italia 1 contro Rai 2) e lanciare.

Rai, palinsesti 2022-2023: Alessia Marcuzzi sbarca su Rai2 con un varietà, Ilaria D'amico nuovo volto dell'informazione

I programmi della prossima stagione

Tra le novità il ritorno di Piero Chiambretti in prima serata, con Talentissimo me su Canale 5, una serata evento di celebrazione per il trentennale di Mai dire goal con i comici, i volti e le voci che hanno reso popolare la trasmissione, il ritorno di Zelig (tre o quattro puntate), di Michelle Impossible nella versione & Friends, de La Talpa, celebre reality primi anni 2000 che sarà prodotto dalla Fascino di Maria De Filippi (ancora senza conduttore) e il nuovo format di reality Mia mamma e tuo papà. Spazio alla comicità di Pio e Amedeo, ieri mattatori della serata (volavano battute a diversa intensità di scorrettezza, sui pettorali di Piersilvio Berlusconi e sulla sessualità di Vladimir Luxuria) che in autunno saranno su Canale 5 con tre puntate di Emigratis, riconfermata la coppia Teo Mammucari e Belen Rodriguez a Le Iene, Federica Panicucci con Back to School, il granitico sabato di Maria De Filippi e Barbara D’Urso, il cui contratto è stato rinnovato (scade a dicembre) e che tornerà a condurre Pomeriggio 5. Tra i nuovi programmi annunciati anche Enigma e Inside, nato da una costola de Le Iene, per Italia 1: se Nicola Savino è fuori, in partenza per Discovery («Un bravo professionista cui auguro buona fortuna», le parole di Berlusconi), è dentro Orietta Berti come opinionista del Gf Vip.

Le fiction

Tra le proposte fiction cinque gli annunci: Il patriarca con Claudio Amendola, L’anima gemella con Daniele Liotti, La ragazza di Corleone con Rosa Diletta Rossi, Viola con Can Yaman e il biografico - coproduzione internazionale - Bardot, la fiction sull’icona del cinema interpretata dalla francese Julia De Nunez. «Concorrenza con Rai? Io tifo Rai. È un’azienda pazzesca, spero che faccia passi avanti sull’offerta - ha detto Berlusconi - ci sono tanti sprechi e, viste le risorse, credo si possa fare di più. Lo dico da cittadino». Quanto ai passi avanti fatti dall’azienda pubblica nel campo dell’inclusione, con Drusilla Foer all’Almanacco e il nuovo programma sulle drag queen, tema rispetto al quali Mediaset pare indietro (ieri sul palco c’erano solo uomini), Berlusconi ha la risposta pronta: «Mediaset parla a tutti, non c’è programma in cui non sia rappresentato chiunque. Pensare a programmi specifici per categoria equivale a sottolineare una differenza che semplicemente non dovrebbe esistere».

© RIPRODUZIONE RISERVATA