Fognini liquida Tsonga, avanti anche Cecchinato, Sonego out

Lunedì 13 Maggio 2019 di Gianluca Cordella
Fabio Fognini

Fabio Fognini in scioltezza. L’azzurro, tra i più attesi agli Internazionali Bnl d’Italia 2019, debutta con una vittoria convincente contro Jo-Wilfried Tsonga. Il ligure chiude 6-3 6-4 in appena un’ora e 24 minuti di gioco. Vero che il francese è in fase calante, ma è altrettanto vero che, prima di stasera, aveva battuto Fabio in quattro dei cinque precedenti. Sul Centrale il ligure non ha mai sofferto, sciorinando tutte le sue variazioni di gioco che hanno stroncato Tsonga, sempre potente ma alquanto macchinoso negli spostamenti. Al secondo turno per Fabio il vincente della sfida tra il francese Benoit Paire, passato dalle qualificazioni, e il moldavo Radu Albot che quest'anno lo ha sorpreso a Indian Wells.   
 

 

Marco Cecchinato soffre un set, poi ritrova il suo tennis migliore e vola al secondo turno. Partita non facile sul Centrale per il siciliano, numero 16 del tabellone, contro Alex De Minaur. L'australiano perde il servizio subito nel primo set ma poi fa il break a sua volta in due occasioni e porta a casa il primo parziale per 6-4. L'azzurro, semifinalista al Roland Garros un anno fa, ha però il merito di riorganizzarsi e di riuscire a spostare l'inerzia del match dalla sua parte: 6-3 6-1 nei parziali successivi e qualificazione in tasca. Il prossimo avversario è il tedesco Kohlschreiber.

SULLA GRANDSTAND ARENA
Lotta, recupera, spera, ma alla fine si arrende ed esce comunque tra gli applausi della Grandstand Arena. Si ferma al primo turno Lorenzo Sonego, ma saluta con l'onore delle armi. Il russo Karen Khachanov, numero 13 del mondo e undicesima testa di serie, vendica l'amarissima sconfitta di Montecarlo, quando il torinese, wild card al Foro Italico, lo aveva estromesso al secondo turno. Vince 6-3 6-7 6-3 Khachanov che, al match point trasformato, esulta portandosi la mano all'orecchio per “sfidare” il pubblico romano che aveva sostenuto con calore Sonego. Il risultato? Una valanga di fischi per il vincitore, con l'ovazione tutta per il giovane azzurro che comunque conferma la sua crescita giocando alla pari con un top 15. 
 

 

NEL FEMMINILE
Nel torneo femminile esce mestamente Sara Errani. L'azzurra, lontanissima dalla sua condizione migliore, è stata letteralmente travolta 6-1 6-0 dalla slovacca Kuzmova in un match che non ha mai avuto storia. Fuori anche la wild card Elisabetta Cocciaretto eliminata con un doppio 6-3 dall'americana Anisimova.
 

Ultimo aggiornamento: 21:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

In ospedale c'è posto per Fido

di Marco Pasqua

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma