Cecchinato: «Sono un diesel e sogno una sfida con Federer»

Lunedì 13 Maggio 2019 di Valerio Cassetta
Cecchinato: «Sono un diesel e sogno una sfida con Federer»

Non sente la pressione e rivendica il suo stile. Marco Cecchinato si gode la vittoria in rimonta 6-4 6-3 6-1 alla Granstand Arena del Foro Italico contro Alex De Minaur. «Prodezze non ne ho viste, però direi che sono stato in lotta come sempre». Non vuole mollare nulla, soprattutto qui a Roma «dove i bambini mi fermano, mi chiedono foto e autografi». Cecchinato benedice la notorietà, che «era un obiettivo», senza dimenticare l’umiltà e il rispetto verso i big del tennis.

In particolare verso Roger Federer, che nelle ultime settimane ha apprezzato il gioco dell’italiano. «A Madrid ero suo vicino di armadietto e mi ha detto che sono il giocar preferito di suo figlio. Non avrei mai pensato di poter parlare con lui. Figuriamoci di essere il preferito del figlio o di essere un suo osservato speciale». Il sogno nel cassetto è sempre lo stesso: «Vorrei affrontarlo prima che smetta».

Una sfida tra lui e lo svizzero a Roma avrebbe un significato particolare, anche perché «giocare nella Capitale non è mai facile». L’emozione gli ha giocato un brutto scherzo nel primo set contro De Minaur: «Ho giocato troppo lontano dalla riga, ma nel secondo set ero aggressivo e lui faceva più fatica. Vengo da un pericolo difficile. Mi sono allenato e poco e sto riprendendo il ritmo». I risultati iniziano a vedersi, senza fretta:  «Non a caso mi chiamano “diesel”», scherza il tennista.
 

Ultimo aggiornamento: 14 Maggio, 10:27 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il marito della sindaca e la tv: «L’unico Matteo è nostro figlio»

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma