Nostalgia del Fantacalcio? Ecco quando può ripartire

Il presidente della Lega Serie A Paolo Dal Pino
di Francesco Guerrieri
2 Minuti di Lettura
Lunedì 6 Aprile 2020, 12:39

Il Coronavirus – purtroppo – continua  ad essere il protagonista delle nostre giornate.  Tg, giornali, aggiornamenti su internet di minuto in minuto. I tentativi di allontanare l’ansia con flashmob e videochiamate, perplessità e dubbi su quanto possa durare questo periodo chiusi in casa. Anche il mondo del calcio si è trovato spiazzato da questo nemico comune che si sta diffondendo a macchia d’olio. E di conseguenza anche i fantallenatori si sono trovati spiazziati. Niente più formazioni da mettere per il week end, scambi da pensare, studiare e proporre; sabati pomeriggi passati davanti a un Lecce-Spal perché “mi serve un gol di Lapadula”. Ma torneranno quei momenti. Presto, speriamo.

Dopo l’Assemblea di Lega in video conferenza tra tutti i rappresenti dei 20 club di Serie A, la linea comune da seguire è quella di finire il campionato. Tutti d’accordo, nessun contrario. L’idea è quella, se le disposizioni delle autorità governative e le condizioni sanitarie lo permetteranno, di ripartire il 2 maggio fino al 28 giugno: una partita ogni tre giorni, si giocherebbe ogni domenica e mercoledì. Vi immaginate al Fanta? Il rischio turnover diventerebbe una certezza assicurata. Ma va bene così, se dovesse servire a farci riprendere in mano le nostre Leghe e a ricominciare la vita normale. L’alternativa è quella di sforare oltre il 30 giugno e andare a finire alla stagione successiva, ma in quel caso bisognerebbe trovare una soluzione per i giocatori che hanno il contratto in scadenza. Idee, proposte e ragionamenti. Tutti dalla stessa parte, cercando una soluzione per ricominciare a giocare. Tutti da casa, però. Con la salute come priorità assoluta. Il calcio si ferma e con lui anche il Fanta. Ma torneranno presto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA