Mihajlovic: «Ho la leucemia, ma vincerò». Terapia da martedì, resta allenatore del Bologna

Sabato 13 Luglio 2019 di Emiliano Bernardini
6
Mihajlovic nella conferenza stampa dove ha rivelato di aver contratto la leucemia

È uno spot per la vita la conferenza stampa di Sinisa Mihajlovic. Le lacrime sono impossibili da trattenere, la voce s’incrina ma non smette mai di uscire. È il cuore che parla. E lo fa alla gente. Parla da uomo con tutte le sue fragilità. Un messaggio di speranza per tutti. «Ho la leucemia» dice senza giri di parole l’allenatore del Bologna. Un pugno allo stomaco che arriva con tutta la sua forza e senza possibilità di arrestarlo. I suoi giocatori seguono la conferenza sul campo d’allenamento. Lo sapevano già, li aveva voluti informare prima degli altri. Hanno pianto. La squadra si lascia andare a un applauso lungo, affettuoso. 

Mazzone: «Forza Sinisa, tu sei speciale e ce la farai»
 


Venti minuti di conferenza, in cui Sinisa ha spiegato la situazione e chiesto ai suoi giocatori di dare il massimo, scusandosi addirittura di non essere lì di persona. Si aggrappa da subito all’ironia perché di fronte ad un dramma così grande il sorriso è un’arma in più: «Ho visto il direttore tecnico Walter Sabatini che stava peggio di tutti, mi ha rubato la scena, e allora ho fatto di tutto per riavere l’attenzione». Poi torna il guerriero di sempre e non risparmia una frecciata a chi non ha voluto rispettare la sua privacy: «Avevo chiesto riservatezza perché volevo essere io per primo a dare la notizia. Purtroppo non tutti hanno rispettato questo desiderio». Guarda fisso verso il futuro e racconta passo dopo passo come ha scoperto la malattia: «Abbiamo fatto alcuni esami e abbiamo scoperto delle anomalie che non c’erano 4 mesi fa. Il 28 febbraio erano tutti normali, fino a maggio mi sono allenato. Non avevo nessun sintomo. Se non avessimo fatto ulteriori esami sarebbe andato avanti tutto come prima». Il cuore si ghiaccia quando si addentra ancor più nel privato: «La cosa più difficile è stato far credere a mia moglie (Arianna era presente nella sala stampa di Casteldebole, ndr) che avevo la febbre, perché sono quarant’anni che non l’avevo. Quel giorno dovevo fare ulteriori accertamenti». Sinisa che si spoglia poi dei panni del guerriero per raccontarsi uomo: «È stata una bella botta, sono stato due giorni chiuso in camera a pensare a tutto, a riflettere, a piangere, ti passa tutta la vita davanti».
 
 

Inter e Roma: «Forza Sinisa, vinci questa battaglia!»

Ma l’indole di combattente è più forte di ogni altra cosa e così dopo essersi interrotto qualche secondo per far uscire quelle lacrime che gli incrinano la voce, rimarca: «Non sono lacrime di paura. Io rispetto la malattia, ma so che la vincerò. La guarderò dritta negli occhi, non vedo l’ora di andare martedì all’ospedale, prima comincio e prima finisco. È in fase acuta ma attaccabile. Ci vuole tempo ma si guarisce». Una preghiera: «Ho bisogno di aiuto, ma non devo fare pena a nessuno: io non faccio pena a nessuno». E infine una lezione sulla prevenzione: «Faccio sempre i controlli periodici, perché mio padre è morto di cancro. La mia unica speranza è di averla presa in tempo, in anticipo». Tutto è cominciato il 10 luglio con un dolore all’anca. Con i medici del club inizia una serie di esami pensando prima ad un problema muscolare poi ad uno tendineo. La diagnosi invece è impietosa. Accanto a lui c’è il ds Sabatini che sgombera il campo da dubbi: «Resta l’allenatore del Bologna qualsiasi cosa accada, preferisco Sinisa con 2-3% in meno che chiunque altro». Concetto ribadito dal presidente Saputo in una nota: «È e resterà l’allenatore del Bologna». Il medico sociale Gianni Nanni rimarca: «Può continuare ad allenare anche se a volte sarà lontano dalla squadra per le cure».

Sui social, club, allenatori, calciatori e tifosi hanno manifestato vicinanza a Mihajlovic. Due messaggi per tutti: quello dell’amico di sempre Roberto Mancini su Instagram: «Sei troppo forte mister Mihajlovic, questo ti fa un baffo e poi dobbiamo giocare a padel» e il tweet di Francesco Totti: «Lotterò ed esulterò con te, perché sarà una vittoria. Forza Sinisa». Per il tecnico serbo dopo la conferenza stampa l’incontro con i tifosi rossoblù che all’uscita del centro sportivo di Casteldebole lo hanno sommerso con un abbraccio lungo, commovente e che profuma di vita. Ora è il tempo del silenzio e soprattutto del rispetto.

Mancini scrive all'amico Mihajlovic: «Sei troppo forte: questo ti fa un baffo»

 

Ultimo aggiornamento: 14 Luglio, 12:44


© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Romani pronti al rientro ma potrebbero ripensarci

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma