Lazio, Strakosha: «Rashica? Sarebbe rinforzo ideale. Sto bene e sogno lo scudetto»

Domenica 31 Maggio 2020 di Valerio Cassetta
Para i tiri, respinge le illazioni sul suo conto e culla un grande sogno. Thomas Strakosha è pronto a riprendere la marcia verso lo scudetto. «Grazie a Dio sto bene, a volte le persone parlano troppo - spiega il portiere della Lazio alla trasmissione “Fan2One”- . Quando si tratta di salute non è giusto farlo. E` il mio avvocato a occuparsi di queste cose. Sto bene e mi sto allenando». Il riferimento è alle dichiarazioni dell’ex giocatore del Torino, Massimo Brambati, che aveva accusato gratuitamente il club biancocelete di aver tenuto nascosto la presunta positività di Strakosha al Covid-19. Una notizia smentita prontamente dalla società e dalla famiglia di Thomas, in ogni caso lesiva della privacy del giocatore. Del resto, il classe ’95 è risultato negativo a tutti i tamponi e test sierologici effettuati a Formello. Insomma, una «fake news» che il portiere respinge al mittente e, intanto, si concentra sullo scudetto. «Speriamo di diventare campioni d’Italia - svela l’estremo difensore -, ci stiamo preparando per questo sogno. Siamo vicini alla Juventus e vogliamo vincere il campionato». Strakosha non nasconde le sue ambizioni, punta in alto e non vede l’ora di tornare a giocare. Un problema al quinto metatarso del piede destro lo costringe a lavori in piscina e in palestra, ma presto tornerà ad esibirsi sui prati verdi di Formello. «Un stop così lungo di tre mesi non credo sia mai successo, sarà difficile per tutte le squadre dal punto di vista fisico - ammette l’albanese -. Non è facile riprendere la forma, le partite non saranno le stesse, ma non sarà un nuovo campionato. Vedremo qualcosa di diverso». Sicurezza nei propri mezzi e fiducia nel gruppo: «Non vogliamo essere arroganti e dire che siamo più forti della Juve», però nei due confronti precedenti stagionali, i bianconeri hanno sempre perso contro Immobile e compagni. Infine, una battuta sul mercato. A chi gli chiede di un possibile arrivo alla Lazio di Milot Rashica, 23 anni, ala sinistra del Kosovo, oggi in forza al Werder Brema, Strakosha risponde: «E' un ottimo giocatore, anche come uomo. Se venisse qui, ci darebbe una grande mano. Sul campo sa sempre cosa fare».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani