Lazio-Inter, parla Stankovic: «Vincerà la bellezza, Simo è fantastico»

Sabato 15 Febbraio 2020 di Daniele Magliocchetti
Lazio-Inter vuol (anche) dire Dejan Stankovic. «Sono emozionato e carico, anche fortunato perché ho giocato con squadre meravigliose. Con i biancocelesti sono diventato uomo, calciatore e campione, con i nerazzurri mi sono consacrato», ricorda il serbo. Che non tradì la Lazio. «Potevo andare via gratis a giugno, ma facemmo in modo di anticipare l’operazione. La società prese i soldi ma anche un bel giocatore come Pandev. Non andò male per nessuno». 
Lazio-Inter significa scudetto. 
«Io penso sia la gara delle conferme, delle certezze e delle motivazioni. Chi la vince dimostrerà di stare sul pezzo, ma chi si ferma non è perduto». 
Differenze tra Lazio e Inter. 
«I biancocelesti giocano bene, vederli giocare è entusiasmante. Conte ha una squadra costruita bene in ogni reparto, è un grande tecnico, nel derby in quarantacinque minuti ha stravolto la partita. E l’ha vinto lui». 
E di Inzaghi che ne pensa? 
«Simo ha fatto un lavoro incredibile. E’ diventato un allenatore di prima fascia, da top club. Ha colto l’occasione che gli è stata data. E io sono felice, un po’ sorpreso per quanto è diventato vincente, ma strafelice. E se lo merita. Gli auguro il meglio, ma lui lo sa». 
Se l’aspettava così bravo? 
«Eravamo inseparabili. Tutti siamo malati di calcio, ma lui e il fratello Filippo esageravano (ride ndc), soprattutto Simo. Si dedica al lavoro in maniera incredibile. Già quando giocavamo sapeva tutto di tutti, moduli, tattiche. Tutto. Impressionava pure Sven e Mancio».
In quella Lazio tanti son diventati allenatori, bravi anche. «Avevamo davvero dei grandi maestri come Eriksson, Mancini e pure Zaccheroni. Poi ho avuto José (Mourinho) e Sinisa) Mihajlovic, ma lui è mio papà e fratello». 
Chi della Lazio attuale poteva giocare nella sua? 
«Ce ne sono. Immobile che ha il gol nel Dna, la “schiaffa” dentro in ogni modo. Milinkovic un altro, finalmente è continuo. Anche Sergej è da top club e poteva tranquillamente giocare nella Lazio del 2000. Ma c’è anche Luis Alberto da top, mamma mia che giocatore, tratta la palla con dolcezza e precisione. Non voglio paragonarli, ma Seba Veron per noi era un punto di riferimento come lo spagnolo. Gli dai la palla e ci pensa lui». 
Allora la Lazio potrà mettere in difficoltà l’Inter? 
«Naturale, sarà una partita bellissima. Lukaku e Lautaro faranno soffrire i difensori biancocelesti, con Immobile che farà altrettanto con quelli dell’Inter». 
Si sbilanci: chi vince? 
«Non ce la faccio sono due squadre che tengo nel cuore. E lotteranno per lo scudetto fino alla fine. Ne sono certo». 
Ci sarà Stefan, suo figlio, in panchina? 
«Non lo so, già sono stato fiero e orgoglioso della sua presenza nel derby, ma di fagioli ne deve mangiare tanti. Pensi che lui e Filip, l’altro mio figlio, sono nati a Roma, il più piccolo Aleksandar a Milano. Vedremo, anche per loro, come per lo scudetto di Lazio e Inter, la strada è lunga. Lunghissima». 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma