Euro 2020, l'allarme: le 11 città perderanno 194 milioni di euro

Euro 2020, l'allarme: le 11 città perderanno 194 milioni di euro
di Emiliano Bernardini
3 Minuti di Lettura
Venerdì 30 Aprile 2021, 07:25 - Ultimo aggiornamento: 21:23

Il Mapei Stadium di Reggio Emilia sarà il primo stadio di calcio a riaprire le porte si tifosi. E l’occasione è la finale di Coppa Italia del 19 maggio tra Juventus e Atalanta. Ora c’è anche il via libera del governo che ha aperto le porte al 20% del pubblico. Da giorni la Sottosegretaria allo sport Valentina Vezzali era al lavoro con il ministro della Salute, Roberto Speranza per far rientrare alcuni eventi sportivi (tra questi anche gli Internazionali di tennis) tra le deroghe concesse dal comma 3 dell’articolo 5 del nuovo decreto per far tornare il pubblico negli stadi anche prima del 1°giugno. Oggi il Cts si riunirà per stabilire i protocolli necessari allo svolgimento dell’evento in sicurezza. «è un segnale verso la normalità di cui tutti abbiamo bisogno. Restiamo fiduciosi di poter aprire gli stadi per le ultime giornate di campionato a mille spettatori in totale sicurezza» il pensiero del numero uno della Lega di A, Paolo Dal Pino

CHI PIANGE E CHI RIDE

E l’esperimento della Coppa Italia sarà un banco di prova in vista dell’Europeo. A Roma per le tre partite del girone e per il quarto di finale è previsto l’afflusso del 25% della capienza dell’Olimpico. L’apertura è stata inevitabilmente accolta come un grande successo ma a conti la riduzioni sul numero di spettatori fanno piangere le 11 città ospitanti. Secondo uno studio di Pitchinvasion ammonta a 194 milioni di euro la perdita dovuta alle restrizioni sull’accesso agli stadi. In totale saranno 51 le partite giocate. Dai 4,597,120 di viaggi previsti si passa a 1,795,992. I pernottamenti passano da 5,141,320 a 1,987,162. E così la spesa totale stimata di 311,909,713 milioni di euro crolla a 117,576,571. In questo ultimo dato non sono incluse le spese di trasporto. Londra potrebbe subire le perdite maggiori, con una differenza di 65,8 milioni rispetto al guadagno stimato in circostanze normali e con uno stadio al completo. Ma la capitale inglese è anche quella che avrà maggiori benefici economici dal torneo, con un guadagno stimato di 23,3 milioni. La seconda città a subire le perdite maggiori sarebbe Dublino, con una differenza di 25,3 milioni. In terza posizione troviamo Glasgow, con una perdita stimata di 19,3 milioni.Le entrate di Budapest potrebbero rimanere inalterate, a seguito della decisionedella città di aprire completamente il suo stadio. San Pietroburgo beneficerà dell’accoglienza di tre gare supplementari dopo il ritiro di Dublino, assicurandosi un ricavo extra di 13,3 milioni di euro. Così come Siviglia che subentrando a Bilbao avrà entrate per circa 5,5 milioni. E Roma? La perdita stimata è di 11,5 milioni. Dai 15,3 di partenza alla fine la Capitale incasserà appena 3,8 milioni. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA