Bakayoko-Kessie, il Milan patteggia la multa, la Figc dice di si

Venerdì 19 Aprile 2019

Il direttore dell'Agenzia, Antonino Maggiore, e il presidente della Federazione Italiana Giuoco Calcio, Gabriele Gravina, hanno sottoscritto un protocollo d'intesa che dà il via libera allo scambio di informazioni utili a verificare l'equilibrio finanziario dei club, per assicurare il regolare svolgimento dei campionati. Ne dà notizia un comunicato dell'Agenzia delle Entrate. In base all'intesa, la Figc fornirà all'Agenzia, entro due giorni dalla firma del protocollo, l'elenco delle società sportive professionistiche, con denominazione sociale e codice fiscale/partita Iva. Le Entrate potranno così verificare gli adempimenti tributari dei club, con particolare riferimento ai pagamenti Iva 2018, alle dichiarazioni per il periodo d'imposta chiuso al 31 dicembre 2017 e ai versamenti Ires, Irap, Iva e delle ritenute Irpef sui redditi di lavoro dipendente risultanti dalle dichiarazioni dello stesso periodo.

L'Agenzia fornirà, inoltre, un riscontro sull'avvenuto pagamento rateale delle somme dovute a seguito della liquidazione delle imposte e delle ritenute relative a dichiarazioni con periodi d'imposta chiusi al 31 dicembre 2012, 2013, 2014, 2015, 2016 e 2017, e sull'avvenuto pagamento, anche rateale, delle imposte e delle ritenute relative a partite di ruolo divenute definitive con cartelle notificate entro il 30 aprile 2019. I dati 'viaggerannò in sicurezza e, una volta completate le operazioni di verifica, l'Agenzia comunicherà alla Figc gli esiti dei controlli. Entrate e Federcalcio individueranno un responsabile per la trasmissione e ricezione delle informazioni. I dati viaggeranno in modalità sicura, saranno trattati nel rispetto delle norme e solo per gli scopi indicati nel protocollo d'intesa. L'accordo sarà valido fino al 28 febbraio 2020, termine entro il quale potrà essere rinnovato per le successive stagioni sportive.

Ultimo aggiornamento: 15:36
© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani