Milan, Gattuso spegne le polemiche post Lazio: «Abbiamo chiesto scusa, pensiamo al Parma»

Venerdì 19 Aprile 2019 di Salvatore Riggio
«Abbiamo chiesto scusa, ora pensiamo al Parma» è il diktat di Rino Gattuso alla vigilia della gara contro il Parma.
 
Coppa Italia. «Pensiamo al Parma, poi alla Lazio».
 
Momento Milan. «Ho rivisto tranquillità ed entusiasmo, mancavano da un po’».
 
Paquetà e Romagnoli. «Paquetà sta bene, si è allenato e vediamo poi per domani. Anche Romagnoli sta bene e domani ci sarà».
 
Sulla Lazio. "La priorità è la gara di domani, poi penseremo alla Lazio".
 
Parma. «Sarà una partita importante, dobbiamo farci trovare pronti».
 
Gara. «Per le caratteristiche dell'avversario sarà difficile. All'andata non meritavamo di vincere. Dobbiamo entrare in campo con il piglio giusto, non dobbiamo dargli campo. Domani ci giochiamo tanto. Giocare al Tardini non è mai facile».
 
Polemiche con la Lazio. «Dobbiamo pensare solo al campo. C’è stato un episodio, abbiamo sbagliato e abbiamo chiesto scusa. Dobbiamo pensare solo al campo perché ci stiamo giocando tanto».
 
Sulla gara di domani. «Per le caratteristiche dell'avversario sarà difficile. All’andata non meritavamo di vincere. Dobbiamo entrare in campo con il piglio giusto, non dobbiamo dargli campo. Domani ci giochiamo tanto. Giocare al Tardini non è mai facile».

Arbitro Valeri. «Siamo l’unica Nazione in cui si parla e si fanno domande sull’arbitro. Io non mi ricordo cosa ho mangiato ieri, pensa te se mi ricordo cosa ha fatto Valeri nel 2013. Io devo pensare a sbagliare il meno possibile, l’arbitro fa il suo mestiere».

Trasferte. «Ne abbiamo vinto solo cinque, ma alcune partite potevamo e dovevamo vincerle ma abbiamo perso punti per strada. Dobbiamo essere più cattivi e non sbagliare approccio».

Ancora le polemiche. «Il mio sogno mercoledì è entrare tutti abbracciati per mettere fine a tutte le polemiche. Un essere umano può sbagliare».

Bakayoko e Kessie. «Sono forti di testa, li ho visti bene mentalmente». Ultimo aggiornamento: 14:46
© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani