Nba, Belinelli dedica la vittoria dei Kings a Valeria: «Potevo esserci io al suo posto»

Nba, Belinelli dedica la vittoria dei Kings a Valeria: «Potevo esserci io al suo posto»
2 Minuti di Lettura
Sabato 21 Novembre 2015, 13:27 - Ultimo aggiornamento: 16 Novembre, 10:22

«Abbiamo la stessa età, potevo esserci anche io al suo posto». Con queste parole Marco Belinelli ha ricordato nella notte italiana Valeria Solesin, la giovane veneziana uccisa negli attentati terroristici di venerdì scorso a Parigi.
In occasione della partita tra Sacramento Kings e Toronto Raptors, l'azzurro è sceso in campo con la scritta sulla scarpa: «Ciao Valeria» per onorare la memoria della ragazza veneta: «Ci sono cose più importanti di una partita di basket - ha dichiarato il bolognese - Non conoscevo Valeria, ma era una ragazza della mia età. Anche lei era andata lontano da casa per fare ciò che amava e ha perso la vita in un venerdì sera qualsiasi, mentre era ad un concerto. Potevo essere io al suo posto, poteva esserci chiunque di noi. I fatti di Parigi mi hanno davvero scosso».




KINGS AVANTI TUTTA
Le parole (e il tweet) di Belinelli sono arrivati a margine della terza vittoria consecutiva per Sacramento. La franchigia californiana ha superato i Raptors 107-101 grazie soprattutto ai canestri di DeMarcus Cousins protagonista con 36 punti, dieci dei quali realizzati nell'ultimo e decisivo quarto (per lui anche 10 rimbalzi). Sugli scudi anche Rudy Gay, 26 punti, 14 per Omri Casspi. Belinelli ha chiuso la sua gara con 26' in campo e 7 punti a referto. Tra i canadesi brillano DeMar DeRozan, 24 punti, e Kyle Lowry, 22 punti (con 6 triple) e 7 assist.

Si risollevano i Lakers che sul parquet amico dello Staples Center superano 97-85 i Detroit Pistons, per i gialloviola si tratta della seconda vittoria stagionale (2-8) grazie ai canestri di Kobe Bryant che mette a referto 17 punti, 8 rimbalzi e 9 assist, stesso score a canestro per Jordan Clarkson. Con questo successo i Lakers evitano il record negativo di risultati per un avvio di stagione della loro storia. Vincono anche i Celtics (5-4 in stagione), 100-85, contro i Thunder (6-4). Trascinatore è Marcus Smart che con 26 punti realizza il suo best-score in carriera. Da segnalare anche i 20 punti di Isaiah Thomas, 14 per Avery Bradley. Il migliore di Oklahoma City è Russell Westbrook, 27 punti, 16 per Serge Ibaka. Successo anche per Memphis (5-6) che piega 114-106 i Minnesota Timberwolves (4-6). Il migliore dei Grizzlies è Jeff Green, 21 punti di cui 11 nell'ultimo quarto, seguito da Mike Conley, 20. Per Minnesota il migliore è Zach LaVine con 25 punti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA