Belinelli, un ritorno senza squilli. L'Olimpia Milano passa a Bologna

Belinelli Virtus Bologna vs Olimpia Milano
di Marino Petrelli
6 Minuti di Lettura
Lunedì 28 Dicembre 2020, 10:41

Occhi puntati sul ritorno di Marco Belinelli in Serie A nell’ultima giornata del 2020. Il “Beli” parte in quintetto, segna nove punti (1/7 dal campo, 6/7 ai liberi) in diciotto minuti in campo, ma Milano vince e resta al comando della classifica. Brindisi perde anche a Cremona in un finale punto a punto, seconda sconfitta consecutiva per i pugliesi dopo la vittoria al Forum che aveva regalato il primato. Varese avanti di quindici all’intervallo, subisce il ritorno di Treviso che vince in volata. Bella vittoria di Pesaro che sale ancora in classifica. La Fortitudo batte Venezia e lascia l’ultimo posto in classifica. Nell’anticipo di ieri, bella vittoria esterna della Acqua San Bernardo Cantù (68-78) in casa della Pallacanestro Reggiana che ferma la sua ascesa in classifica. 

VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA - AX MILANO 68-73

Belinelli in quintetto, due errori, poi la prima tripla segnata dopo quasi cinque minuti. LeDay regala il 13-21, ma la Virtus ha pazienza e chiude avanti 24-23 il primo quarto. Teodosic è scatenato: 29-23 al 12esimo. Rodriguez risponde da grande campione: 29-29. Belinelli con i tiri liberi impatta sul 35. Leday e Shields, entrambi già in doppia cifra di punti, rimandano avanti l’Olimpia 38-45. Al 20esimo è 38-46, ospiti che tirano 12/15 da due punti. La Virtus rientra con voglia e concentrazione. Markovic mette la tripla del sorpasso, 49-48, poi è 53-50 al 27esimo. All’ultimo riposo è 58-58. Milano prova l’allungo: 61-67 al 35esimo. Belinelli segna i liberi, ma sbaglia il tiro del meno due a 100 secondi dalla fine. Milano controlla e vince 68-73. Per Belinelli, alla fine 9 punti, 1/7 dal campo e 6/7 ai liberi. Teodosic 12 punti e sei assist. Per Milano, 18 punti per Hunter ex di turno, 16 a testa per Leday e Shields. Quinta sconfitta in casa per la Virtus, Milano mantiene il primato. 

Belinelli torna a casa: «Virtus, un progetto stimolante»

BANCO SARDEGNA SASSARI - GERMANI BRESCIA 100-87

La Leonessa Brescia, reduce da tre vittorie consecutive dall’avvento di Buscaglia in panchina, parte forte e dopo dieci minuti è avanti 15-31. Con calma, la Dinamo sistema le percentuali, riduce lo svantaggio, 41-45 al riposo lungo, poi mette la freccia del sorpassa. Sul 71-69, quattro canestri da tre punti (tre di Kruslin, alla fine 4/6 per lui da tre) del Banco Sardegna spezzano la partita, la Leonessa non ne ha più e finisce 100-87. I padroni di casa segnano 85 punti nei 30 minuti finali e mandano sei giocatori in doppia cifra, tra i quali spiccano Spissu con 23 punti e Bilan, 19 punti e 13 rimbalzi. Per Brescia, 16 punti a testa per Cline e Moss, un passo indietro per Crawford e Ristic, rispettivamente otto e quattro punti. 

CARPEGNA PROSCIUTTO PESARO - ALLIANZ TRIESTE 84-74

Senza Massenat, che ne avrà per circa tre mesi a causa della rottura scomposta del radio della mano destra, Pesaro ha bisogno di soluzioni alternative in attacco. Avvio vivace: 13-13 al sesto. Al primo riposo, Pesaro allunga con le triple: 26-20. Ancora i tiri dalla grandissima distanza regalano il 39-29 al 16esimo. Doyle tiene a galla Trieste, all’intervallo lungo è 46-45. Delia è efficace in attacco, Trieste sorpassa 53-54 al 26esimo. Doyle (alla fine 22 punti con 7/11 da tre) è immancabile da tre ma Filloy e Zanotti replicano e la VL chiude avanti 65-62 al 30esimo. La partita vive sul filo dell’equilibrio, 69-67, poi 77-73 al 36esimo. Zanotti ( 21 punti), Cain (15 punti e 15 rimbalzi) e Robinson (12 punti e 10 assist) chiudono la contesa 84-74


OPENJOBMATIS VARESE - DE LONGHI TREVISO 79-80

Dopo tre sconfitte consecutive, Varese vuole tornare alla vittoria. L’avvio è vigoroso: 17-9 al sesto con 11 punti di Scola. Al decimo è 29-16, al 14esimo 35-22. Treviso tira malissimo (11/30 dal campo), Varese chiude avanti 45-30 al riposo lungo. Incredibile rientro in campo di Treviso: parziale da 0-18 e vantaggio 45-48 al 27esimo. Logan è scatenato, ospiti avanti 53-58 al 30esimo. Il parziale è 8-28. Con determinazione, Varese ritrova il vantaggio, 59-58 al 33esimo. La partita resta in completo equilibrio fino al termine. 72-70 al 38esimo, 74-76 con la tripla di Logan a 70 secondi dalla fine. Jakovics e Douglas rimandano Varese avanti 79-76, Mekowulu mette i due liberi del 79-78 a 23 secondi dalla fine. Treviso recupera la palla e Sokolowski trova il canestro del 79-80 a quattro secondi dalla fine. Douglas sbaglia la tripla della vittoria. Varese perde una partita incredibile. 

LAVORO PIU’ FORTITUDO BOLOGNA - UMANA VENEZIA 76-72

Senza Happ, Aradori e Saunders, la Fortitudo supera la Reyer 76-72 togliendosi dall'ultimo posto in classifica. Banks trascina la Effe con 28 punti. Per la Reyer sono troppi i 29 punti concessi nell'ultimo decisivo quarto. La tripla della vittoria di Stone si spegne sul ferro. Bologna subito avanti 25-14 al decimo, poi la Reyer recupera e, con un parziale da 14-29 nei due tempi centrali, si riporta sotto 47-43. Quando sembrava vinta con tripla di Sabatini (71-66) e altri due di Whiters (73-66) a 1 minuti e mezzo dal gong, la Reyer provava a riacchiappare il match: due triple di Bramos portavano l’Umana 73-72. C’è pure posto per la tripla vittoria di Stone, dimenticato dalla difesa Effe, ma sputata dal ferro, mentre Banks, 28 punti e 13 falli subiti, chiudeva la contesa definitivamente sul 76-72.


VANOLI CREMONA - HAPPY CASA BRINDISI 96-94

Brindisi a corrente alternata. Prima domina, 19-29, poi 23-34 e 32-39, poi Cremona rientra con le triple di Mian e sorpassa 45-41. Al 20esimo è 45-45. Harrison ha le polveri bagnate, la squadra ospite è tenuta a galla da Bell e Thompson. L’ex di turno rimanda avanti Brindisi 48-49, il play trova il 48-51 al 24esimo. Hommes si carica Cremona sulle spalle con le sue triple (quattro in fila) e i padroni di casa volano 63-58 al 27esimo. Brindisi accetta la battaglia da tre punti, Harrison si accende e il terzo periodo finisce 75-74. Ultimi dieci minuti di grande equilibrio, Cremona avanti 81-80, Brindisi replica sull’81-86. Il finale è da brividi. La Vanoli torna avanti 94-93 a 80 secondi dalla fine. Perkins segna il libero del pareggio a 33 secondi. TJ Williams segna i liberi del 96-94. Mancano 20 secondi, Harrison ha la palla del pareggio ma la sua penetrazione si perde senza un tiro. Cremona risale ancora, Brindisi alla seconda sconfitta consecutiva dopo la vittoria a Milano che due settimane fa le aveva regalato il primato. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA