Petrucci lancia l'allarme: «Con la crisi delle aziende, lo sport è a rischio»

Giovedì 21 Maggio 2020
«Chi si stupisce della situazione attuale non so davvero dove viva. Stiamo attraversando uno dei peggiori momenti dal dopoguerra. Il settore che più ne risentirà, a mio avviso, sarà lo sport professionistico perché ad essere in crisi non è il basket, né lo sport in generale. Ma le aziende e gli imprenditori che sono costretti a dover programmare tagli dolorosi alle imprese sportive che finanziano, pur di salvaguardare i propri dipendenti». È l'allarme che il presidente della federbasket, Gianni Petrucci, ha lanciato al termine del consiglio federale che si è svolto oggi in videoconferenza. «Il mio è un grido di allarme per portare all'attenzione del governo il tema del credito d'imposta sulle sponsorizzazioni sportive che ritengo centrale in questo momento - ha aggiunto Petrucci -. È necessario inoltre intervenire con le risorse che lo sport genera in proporzione a ciò che le società producono, dopo la legge di assestamento del bilancio» I messaggi lanciati da diversi proprietari, ultimo in ordine di tempo Aldo Vanoli «non saranno inascoltati - fa sapere la federazione -. Il presidente Fip, l'intero Consiglio, è vicino a quanti hanno permesso al basket di continuare ad essere tra gli sport più popolari in Italia. Tra questi Claudio Toti, che con la sua famiglia ha rappresentato la pallacanestro a Roma per 20 anni e a cui va, unanime, il nostro ringraziamento».

La Federbasket ha già varato un cospicuo piano in aiuto delle società e nelle prossime settimane si impegnerà per supportare ancora, con ulteriori sconti attraverso le Leghe. Tra le principali novità contenute nella delibera di ammissione si segnala l'introduzione di una lettera di impegno rilasciata dall'azionista o socio di riferimento, da cui emerge in modo inequivocabile la volontà di supportare finanziariamente la società per tutta la stagione 2020/2021. Il Presidente Petrucci sarà parte attiva, insieme al n.1 della Federvolley Pietro Bruno Cattaneo, del Comitato 4.0 composto dai presidenti di LBA Umberto Gandini e LNP Pietro Basciano, dai presidenti della Serie A maschile di volley Massimo Righi, dal presidente della Serie A femminile di volley Mauro Fabris e da Francesco Ghirelli, presidente della Lega Pro di calcio. La finalità è portare all'attenzione del Governo la misura del credito d'imposta sulle sponsorizzazioni sportive affinché venga introdotta nell'iter di conversione in legge nei prossimi provvedimenti. Quanto agli allenamenti degli sport di squadra la Fip «sta lavorando per definire delle linee guida specifiche per il gioco della pallacanestro in stretta collaborazione con il Politecnico di Torino. E saranno rese note appena possibile». Prossimo
 consiglio federale il 5 giugno. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani