Usa, David Letterman lascia il 'Late Show': boom di ascolti per l'ultima puntata

David Letterman
di Giacomo Perra
3 Minuti di Lettura
Giovedì 21 Maggio 2015, 13:39 - Ultimo aggiornamento: 15:22

«L’unica cosa che voglio dirvi è grazie e buonanotte». David Letterman saluta e se ne va. Dopo trentatre anni di conduzione, in cui con il suo stile pungente e corrosivo ha cambiato la cifra e, quindi, la storia del talk televisivo statunitense, il mitico anchorman americano, sarcastico e autoironico fino all’ultimo, anche alla presenza, tra il pubblico, dei suoi familiari, ha lasciato per sempre la sua creatura, quel “Late Show” che sul piccolo schermo - prima alla “Nbc” e poi alla “Cbs” - andava avanti con grandissima fortuna, di critica e ascolti, dal 1982.

Un addio preparato da tempo, precisamente dall’aprile dell’anno scorso, quando la stessa “Cbs” comunicò che quella del 20 maggio del 2015 sarebbe stata la puntata conclusiva dell’era Letterman.

Se il sessantottenne presentatore ha cercato, riuscendoci benissimo, di non farsi travolgere dalle emozioni, il suo commiato ha invece coinvolto tutti gli spettatori, specie quelli vip: tanti i messaggi di tributo dedicatigli, sui social e non solo, dalle celebrità - dall’omaggio della collega Ellen De Generes a quello dei “Foo Fighters” - prima dell’entrata in scena finale.

Ed è toccato proprio alla rock band capitanata da Dave Grohl, la preferita del conduttore, chiudere, al termine di una serata niente affatto nostalgica e ricca di momenti divertenti - dai simpatici interventi di Obama, Clinton e Bush Jr. (“L’incubo è finito”) alla top ten dedicata alle “cose che avrebbero sempre voluto dire a Dave” i dieci ospiti più affezionati del programma -, l’ultimo atto di una stagione forse irripetibile. Nella memoria rimangono le interviste, mai compiacenti e sempre imprevedibili ed irriverenti, ad attori, cantanti e politici e alcuni siparietti davvero esilaranti: Cher che apostrofa Letterman con un inequivocabile “stronzo”, George Clooney ammanettato, i duetti con Roberto Benigni.

Con l’anchorman di Indianapolis in pensione, a prendere il comando del “Late Show”, esportato con grande fortuna anche all’estero, dal Medio Oriente all’Australia, passando per le Filippine, la Cina, il Messico e, naturalmente, l’Italia, dove attualmente è nel palinsesto di Rai 5, che stasera manderà in onda la storica puntata di ieri sera, sarà, come già stabilito, il comico Stephen Colbert. Cinquantun anni compiuti da poco, autore e produttore del telegiornale satirico “The Colbert Report”, in onda dal 2005 sull’emittente “Comedy Central”, Colbert ha firmato un contratto che lo impegnerà per le prossime cinque edizioni del programma. Lo aspetta un compito molto arduo.