Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Artena, gara di solidarietà per la 17enne Ginevra: dovrà operarsi in Svizzera per tornare a camminare

Dopo l'appello dei genitori, in quattro giorni sono stati raccolti circa 13 mila euro

Tutta Artena si muove perché la sua Ginevra possa operarsi a Zurigo e tornare a camminare
di Luigi Biagi
3 Minuti di Lettura
Venerdì 11 Febbraio 2022, 12:32 - Ultimo aggiornamento: 16:03

C'è tutta una comunità che spera. Per Ginevra, 17 anni, di Artena, l'unica possibilità di tornare a camminare è una costosissima operazione chirurgica in Svizzera. Per lei si sta mobilitando la città vicina a Valmontone.

Ginevra non può camminare a causa della radiocolopatia sacrale

Dalle associazioni ai vicini di casa, dalla chiesa locale ai colleghi di lavoro dei genitori, tutti stanno rispondendo all'appello della mamma Eleonora. L'obiettivo è raccogliere i 30 mila euro per pagare l'intervento chirurgico da fare a Zurigo. La speranza della famiglia è riposta nella solidarietà e nella cittadina elvetica. La malattia della ragazza è così rara che in Italia non è stato possibile diagnosticarla, né la si può curare. Solo per riconoscerla ci sono voluti quattro anni, passati tra il Bambino Gesù di Roma, il Meyer di Firenze, il Negrar di Verona e il Civico di Palermo. Poi la rivelazione a Zurigo dopo una visita specialistica: radicolopatia sacrale con intrappolamento venoso dei nervi. «È rarissima - spiega la madre - Colpisce, tramite compressione, i fasci neuronali che partono dalla colonna vertebrale. Le conseguenze sono gravi: dolori continui, impossibilità di camminare e pregiudizi al sistema nervoso parasimpatico che controlla le viscere.

La solidarietà: 13mila euro raccolti in pochi giorni

Da tempo le amiche di Ginevra, sono la morfina sul comodino, la sedia a rotelle che tengo in macchina se deve fare più di 50 passi, la paura di vedere il corpo deformarsi e non rispondere più ai comandi. Le sue uscite di casa aggiunge - sono per le visite e le fisioterapie. Ma Ginevra è forte e sorride: è abituata a combattere afferma Eleonora -, si impegna a scuola e non vuole rinunciare a vivere una vita il più normale possibile». Dopo l'appello dei genitori, in quattro giorni sono stati raccolti circa 13 mila euro. Anche la protezione civile di Artena, con il presidente Augusto Candela, ha avviato una colletta. Le parrocchie di Santo Stefano e di Santa Croce, rette dal parroco Don Antonio Galati, stanno facendo altrettanto. Alcuni negozi fanno da punto di riferimento per chi vuole donare. C'è chi raccoglie il denaro e lo porta direttamente alla famiglia. C'è il sito internet salviamoginevra.wordpress.com per promuovere la raccolta. Si stanno mobilitando anche i colleghi di Eleonora, che lavora al policlinico di Tor Vergata. «Stanno arrivando tante piccole donazioni afferma la mamma di Ginevra - sono commossa».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA