Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Roma, bambino di 11 anni investito da un suv a Torre Angela: è gravissimo

Il piccolo è ricoverato in prognosi riservata al Bambino Gesù. L’auto, una Seat Ateca, si è schiantata sul palo del semaforo

Roma, bambino di 11 anni investito a Torrenova: è gravissimo
di Alessia Marani
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 10 Agosto 2022, 19:51 - Ultimo aggiornamento: 12 Agosto, 10:30

Dramma a Torre Angela. Un bambino di appena 11 anni nella tarda mattinata di ieri è stato travolto da un Suv lanciato a forte velocità sulla via Casilina, all’altezza dell’incrocio con via del Torraccio di Torrenova. Il piccolo è stato centrato in pieno e sbalzato via lungo l’asfalto, battendo violentemente il capo a terra dopo il volo. Le sue condizioni sono critiche, è in terapia intensiva e la sua prognosi riservata, anche se i sanitari del Bambino Gesù confidano in un miglioramento. Il suv ha finito la sua corsa contro il palo del semaforo abbattendolo di netto. 
 

 

Bambino investito a Roma: cosa è successo

I TESTIMONI
L’impatto è stato terribile. «Siamo choccati - raccontano alcuni residenti della zona - quell’incrocio all’altezza dei supermercati e dei centri commerciali, è frequentatissimo. Poteva essere una strage». La Casilina, in quel tratto, è a doppia carreggiata e a due corsie per ogni senso di marcia. «Molti, troppi automobilisti - aggiungono a Torre Angela - premono sull’acceleratore come fossero in Formula 1 e ormai troppi sono distratti dai telefonini. Quel bambino poteva morire, speriamo che il Cielo lo aiuti». 

 

L’incidente si è verificato quasi all’ora di pranzo, poco prima delle 13. Sul posto sono intervenute immediatamente le pattuglie del VI Gruppo Torri, numerose le richieste di aiuto arrivate per lo scontro con feriti già apparentemente gravi. Il conducente a bordo della Seat Ateca, un uomo di 51 anni, che viaggiava ha investito il bambino per poi finire contro il semaforo.
 

Il piccolo è stato subito soccorso dal personale sanitario di una ambulanza dell’Ares 118 e trasportato in codice rosso al Bambino Gesù dove gli operatori lo hanno sottoposto agli esami diagnostici del caso, disponendo poi il trasferimento nel reparto di Terapia intensiva dove è stato intubato. Per il momento, i medici non si sentono di sciogliere la prognosi. Anche l’automobilista, per le gravi lesioni riportate, è stato trasportato in ambulanza al pronto soccorso del Policlinico Casilino. 
 

LE ANALISI
Per lui i caschi bianchi hanno richiesto tutti gli esami tossicologici del caso, per verificare se si fosse messo al volante ubriaco o drogato. Altri accertamenti sono in corso per ricostruire l’esatta dinamica dell’impatto. I vigili stanno acquisendo le immagini delle telecamere poste in prossimità dell’incrocio e le testimonianze di chi ha assistito allo scontro. Da capire se l’11enne, come sembra, stesse attraversando sulle strisce pedonali. Già nel 2021 rispetto al 2020 le statistiche Aci avevano dato il Lazio come la regione più pericolosa per i pedoni, con il maggior numero di persone falciate in strada. Distrazioni (compresa la guida con in mano il telefonino) e velocità eccessiva continuano a essere le cause maggiori di tutti gli incidenti. Ieri, per consentire i rilievi, un tratto della Casilian è rimasto chiuso, mentre è stata chiamata la ditta comunale per il ripristino dell’impianto segnaletico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA