Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Roma, fondi del Pnrr a rischio: «Difficile attuare i progetti». In bilico i 329 milioni destinati al Lazio

La carenza di dirigenti e di personale compromette l’utilizzo dei soldi del Pnrr: vertice al Provveditorato

Roma, fondi del Pnrr a rischio: «Difficile attuare i progetti». In bilico i 329 milioni destinati al Lazio
di Francesco Pacifico
4 Minuti di Lettura
Mercoledì 10 Agosto 2022, 01:08 - Ultimo aggiornamento: 01:10

Tanti soldi - 329 milioni di euro - e per lo più stanziati in una volta sola, i presidi di Roma e del Lazio non li avevano mai visti tutti assieme. Un mare magnum di risorse finanziate con il Pnrr per costruire nuove scuole e ristrutturare quelle esistenti. Talmente tanto denaro che i dirigenti non sanno come spenderlo. «O meglio - fa sapere Mario Rusconi leader regionale dell’associazione dei presidi - le idee non ci mancano, ma ci ritroviamo senza gli strumenti e il personale adatto per programmare e progettare gli interventi». Risultato? «Rischiamo di ritardare l’avvio dei lavori, se non di non perdere moltissimi di questi fondi». 

Moody's taglia outlook su rating banche, utilities e partecipate Stato

La categoria dei presidi ha scritto al ministero dell’Istruzione per chiedere come muoversi. E non può essere preso sottogamba l’allarme sulla spesa dei 329 milioni di euro, che il governo ha stanziato alle scuole del Lazio attraverso il Piano nazionale di ripresa e resilienza per la spesa. Anche perché l’Europa impone tempi stretti (i fondi vanno impegnati entro il 2026) e soprattutto eroga i soldi se vengano completati con la stessa celerità i progetti esecutivi. Impossibile per gli istituti che lamentano il deficit di personale e conoscenze e che sono centrali in questo programma perché devono essere loro segnalare le necessità d’intervento. Altrimenti addio a centinaia di milioni per costruire nuove scuole, mettere in sicurezza quelle esistenti (soprattutto dal punto di vista antisismico e per l’antincendio), rifare le calotte per migliorare la classe energetica, digitalizzare le aule portando la banda larga, fino all’estensione del tempo pieno e alla formazione del personale. Senza contare che gli stessi problemi - mancanza di progettisti e di know how tecnico-amministrativo - rischiano di riproporsi quando partirà il piano da 200 milioni di euro voluto dalla ministra Mara Carfagna e dal sindaco Roberto Gualtieri per la riqualificazione energetica di 111 plessi scolastici della Capitale.

 

La road map

Il panico si è diffuso tra i presidi quando si sono avviate le primi azioni per il Piano “Scuola 4.0”, con i programmi, finanziati con il Pnrr, Next Generation Classrooms e Next Generation Labs, destinati alla digitalizzazione di aule e all’acquisto di elaboratori e macchinari per laboratori. Nel Lazio sono coinvolte circa 250 scuola, oltre la metà a Roma, con ognuna che si sono vista assegnare in media 160mila euro. La road map imposta dall’Europa prevede che entro dicembre ogni preside presenti al ministero la progettazione esecutiva degli ambienti e dei laboratori e individui le risorse necessarie. Va poi concluso l’affidamento dei lavori entro marzo del 2023, mentre un mese dopo devono partire lavori e primi collaudi per ambienti e infrastrutture digitali che entro il giugno del 2024 devono essere a disposizione degli studenti.

Omicron e scuola, l'ira dei presidi di Roma: «Lasciati soli, neanche avviati i lavori per l’areazione»

Tempi troppo stretti per le scuole romane, costruire per il 75 per cento prima del 1975. Spiega Cristina Costarelli, preside del liceo scientifico Newton: «Questi sono fondi inattesi e importanti. Chiaramente siamo contenti di averli ottenuti perché possiamo fare tanto. Ma non siamo abituati a gestirli. E il nodo principale è che per scrivere i progetti non abbiamo segretarie e amministrazioni adeguate. Ci mancano perché in generale il nostro personale è sottodimensionato ed è assunto a tempo indeterminato. Anche in scuole con oltre 1.500 allievi. Io al Newton da settembre avrò sette amministrativi nuovi, tutti contrattisti e tutti da formare, che a giugno del 2023 ci lasceranno. Così non è facile gestire tutto questo denaro. Io, poi, posso anche fare il migliore impianto wifi, ma se non mi arriva la linea veloce, sono al punto di partenza».

© RIPRODUZIONE RISERVATA