Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Liceo Plauto occupato, gli studenti sul tetto: «Vogliamo incontrare il ministro o non scenderemo»

Liceo Plauto occupato, gli studenti sul tetto: «Vogliamo incontrare il ministro o non scenderemo»
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 15 Dicembre 2021, 11:29 - Ultimo aggiornamento: 12:59

Nuove occupazioni nei scuole di Roma: questa mattina gli studenti upato l’ITIS Giovanni XXIII di Tor Sapienza hanno preso possesso temporaneo della scuola. Tanti i problemi che denunciano: «I percorsi dei PCTO sono lontani e incongruenti dai percorsi di studio; la cattiva gestione dei servizi di trasporto pubblico impedisce agli studenti di poter fare sport, andare a lavoro, avere una vita normale. L'edificio presenta problemi strutturali e di sicurezza seri: buchi nei soffitti, porte rotte, formicai nelle aule».

Anche gli studenti del liceo Plauto proseguono la loro occupazione e questa mattina sono saliti sul tetto dell'istituto: «Non scenderemo finché non avremo un incontro con il ministro». Il Plauto, liceo del quartiere Spinaceto di Roma, è occupato da lunedì, ed è lo stesso dove durante un tentativo di bloccare l'occupazione un giovane è stato spintonato ed un agente ha riportato escoriazioni. Ad annunciare l'iniziativa è il collettivo Osa (Opposizione Studentesca d'Alternativa): «Lo diciamo da mesi ormai: le nostre proteste, occupazioni, picchetti e scioperi non sono un gioco ma rappresentano la volontà di noi studenti di essere ascoltati dalle istituzioni e avere voce in capitolo sui fondi che il Governo sta per stanziare sulla Scuola pubblica. Siamo una generazione a cui la nostra classe dirigente, di centrodestra e di centrosinistra, ha tolto il futuro: la scuola non ha più una funzione di emancipazione, individuale e collettiva, e se guardiamo avanti ci aspettano solo precarietà e un mondo in piena crisi ecologica», scrive il collettivo in un post su Facebook che poi annunciano: «Ora vogliamo parlare noi. Chiediamo immediatamente una risposta da parte del Ministero dell'Istruzione, della Città metropolitana e della Prefettura: vogliamo un incontro e risposte concrete subito. Non scenderemo dal tetto del Liceo Plauto finché non verremo convocati: ci uniamo quindi all'occupazione permanente del liceo Albertelli. E' una promessa: il tetto del liceo Plauto e l'occupazione del Pilo Albertelli non verrano liberati finché non verremo ascoltati».

Sciopero 16 dicembre, scuole e uffici postali restano aperti: i sindacati cedono al Garante

In un altro post, pubblicando anche un video di uno studente che parla dal tetto del liceo, i giovani ribadiscono: «Non aspetteremo altro tempo. Chiediamo un incontro immediato con il Ministero dell'Istruzione, con la Prefettura e la Città metropolitana per risolvere i problemi degli studenti e avere voce in capitolo sui fondi che verranno destinati dal Pnrr alla scuola pubblica italiana». «Non parliamo solo a nome degli studenti di Osa ma a nome di tutti: siamo uniti e compatti nella nostra battaglia, da Roma a Torino, da Bologna a Firenze, a Napoli, a Catania». Con il video vengono allegre anche le richieste che gli studenti rivolgono alle Istituzioni: una circolare del ministero che imponga ai presidi di tutte le scuole in protesta di eliminare le sanzioni disciplinari nei confronti degli studenti in lotta; l'apertura di un tavolo permanente di discussione con tutte le organizzazioni sindacali della scuola e tutte le organizzazioni studentesche e i collettivi rappresentativi delle proteste. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA