Commenti antisemiti sulla pagina del Caffè Greco, sdegno bipartisan. L'Ospedale Israelitico: li denunciamo

Venerdì 1 Novembre 2019 di Marco Pasqua
Commenti antisemiti sulla pagina del Caffè Greco, sdegno di FI, Italia Viva e Lega: «I gestori li cancellino»

I commenti antisemiti apparsi sulla pagina Facebook del Caffè Greco non passano inosservati e provocano la reazione di alcuni parlamentari, dalla Lega a Italia Viva. Non solo. L'Ospedale Israelitico, proprietario delle mura, presenterà una denuncia«Stiamo raccogliendo i contenuti di alcuni post, che saranno oggetto di denuncia per istigazione all'odio razziale. Lunedì i legali completeranno la stesura della denuncia che sarà presentata presso la Procura della Repubblica», ha detto Bruno Sed, presidente dell'Ospedale. I gestori fanno sapere di dissociarsi da quelle affermazioni: «Purtroppo non controlliamo ogni commento, ma lo faremo», garantisce Carlo Pellegrini, che preannuncia di voler sporgere denuncia: «Ritengo che commenti del genere, disgustosi, da cui prendiamo con nettezza le distanze anche pubblicamente nuocciano profondamente soprattutto alla giusta causa dell'Antico Caffè Greco». 

«I deliranti attacchi sono un gravissimo esempio della forza con cui tornano a manifestarsi rigurgiti che continuano incredibilmente a manifestarsi con un preoccupante recrudescenza d'odio», dice Luciano Nobili, deputato di Italia Viva. «L'aspetto più agghiacciante - spiega - dello scambio di commenti sulla pagina Facebook del caffè é il riaffiorare di termini tipici dell'epoca più cupa del '900 come 'sionistì e la riesumazione dei più triti luoghi comuni sugli ebrei utilizzati del gruppo antagonista Bds Italia contro la proprietà, l'Ospedale Israelico. È incredibile che quelle parole siano state scritte sulla pagina Facebook di uno dei più importanti locali della città e, cosa ancora più incredibile, legittimante anche da chi gestisce il profilo del caffè». «Tutto questo è inquietante e scandaloso. E lo ancora di più nei giorni degli attacchi contro Liliana Segre», conclude.  

Leggi anche:-> Sulla pagina Facebook del Caffè Greco ora spuntano offese antisemite: «No ai sionisti»

«L’attuale inquilino e gestore dell’Antico Caffè Greco cancelli immediatamente le frasi ingiuriose contro l’Ospedale Israelitico di Roma pubblicate sul profilo Facebook del Caffè che, anziché essere censurate, vengono addirittura commentate con benevolenza e simpatia sul sito - è la richiesta del senatore di Forza Italia, Francesco Giro - Luogo storico di incontro e dialogo fra i maggiori intellettuali e artisti dei secoli scorsi, il Caffè Greco non può essere amministrato da persone che non sembrano voler arrestare i rischi di un'odiosa deriva antisemita. Uno schifo al quale Roma e i romani reagiranno con forza e con determinazione. All'Ospedale Israelitico, del quale ho sempre sostenuto le legittime e sacrosante richieste per un nuovo contratto di affitto, congruo con le regole di mercato, e per una nuova gestione in linea con la tradizione del luogo e rispettosa del prestigio dell'Antico Caffè, esprimo la mia piena solidarietà e il mio sdegno per il comportamento degli attuali gestori».  Per Forza Italia interviene anche Mariastella Gelmini, capogruppo alla Camera: «Lo storico Caffè deve rimanere tale e speriamo che il contenzioso si risolva, ma niente può giustificare pericolosi rigurgiti antisemiti. Solidarietà alla comunità ebraica».

Leggi anche:-> Caffè Greco Roma, chiusura rimandata. I clienti: «Un pezzo di storia di Roma»

Per la Lega parla il deputato Daniele Belotti: «Non entro nel merito della vicenda dello sfratto (sono questioni tra locatore e locatario), ma sui post antisemiti che si leggono sulla pagina del locale da parte del gruppo antagonista Bds è bene prendere una posizione con una semplice parola: Vergognatevi!».

Ultimo aggiornamento: 19:59 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Sui bus e la metro di Roma le voci parlano strano: fermate “Gnogno” e “Megabyte 1”

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma