Il ragazzo morto a Zanzibar, primi accertamenti sulla salma

Valerio Ciceroni a destra nella foto
4 Minuti di Lettura
Martedì 26 Ottobre 2021, 00:10

RIETI - Sono stati avviati ieri mattina gli accertamenti sulla salma di Valerio Ciceroni, il ragazzo di 31 anni di Passo Corese deceduto a Zanzibar e dovranno ancora trascorrere alcuni giorni perché possa fare rientro in Italia. Intanto, nel comune di Fara Sabina ancora stordito dalla notizia della morte del giovane, ex capitano della Società sportiva Passo Corese e dipendente di un ingrosso alimentare nella zona artigianale di via Maestri del Lavoro, il sindaco Roberta Cuneo e la giunta hanno indetto il lutto cittadino. 

La situazione. Sono ore difficilissime per la famiglia di Valerio. La tranquilla domenica di ottobre di papà Antonello, mamma Simonetta e del fratello gemello Samuele è stata sconquassata dalla notizia della morte del ragazzo che si trovava in un villaggio nella parte orientale di Unguja per trascorrere una vacanza insieme alla fidanzata Chiara, 28 anni, sabina anche lei. Erano partiti pochi giorni prima della tragedia per un viaggio organizzato proprio dalla giovane che lavora come tour operator in un’agenzia di viaggi. Se tutto fosse andato bene sarebbero rientrati ieri. Invece ora Chiara, raggiunta a Zanzibar dalla sua datrice di lavoro, si trova nell’Ambasciata italiana dell’arcipelago delle isole della Tanzania, presa in custodia dal personale dell’organo diplomatico che è in costante contatto con l’amministrazione comunale di Fara Sabina.

Il Comune in prima linea. Il Comune farense sta infatti assistendo la famiglia Ciceroni dal punto di vista amministrativo, mantenendo le relazioni con Farnesina e con la delegazione diplomatica italiana a Zanzibar anche perché ogni fase è resa difficile dalla distanza e dalla difficoltà di tenere comunicazioni frequenti e stabili con l’arcipelago dove sono in corso gli accertamenti su quanto accaduto. 

Il rimpatrio. Per il rimpatrio della salma potrebbe servire ancora qualche giorno. In casi simili i tempi oscillano dai tre ai sette giorni, motivo per il quale si ipotizza possa avvenire tra venerdì e domenica. Prima dovranno concludersi gli esami disposti sul corpo del coresino indispensabili a fornire alle autorità e ai familiari le prime informazioni sulle cause del decesso del giovane. Al momento si sa soltanto che è stato colto da un malore improvviso, grave a tal punto da richiedere il ricovero immediato in una struttura ospedaliera dell’isola da dove, da quanto si è appreso fin qui, sarebbero partiti i messaggi ai familiari nei quali venivano informati delle condizioni del congiunto, fino alla comunicazione del decesso. 

La comunità. Parenti, amici, ex compagni delle squadre di calcio nelle quali ha militato e concittadini si sono stretti da subito attorno ai parenti. A casa Ciceroni è un via vai di persone che vogliono far sentire vicinanza e affetto a una famiglia devastata dal dolore. Ad oggi non è prevista la partenza dei familiari per la Tanzania perché la speranza è che i tempi del rimpatrio siano brevi. Quando Valerio tornerà per l’ultimo saluto l’amministrazione comunale indirà una giornata di lutto cittadino. La comunità si fermerà in sua memoria e in segno di rispetto per la sua famiglia, conosciuta e stimata sia a Passo Corese, dove la mamma e il fratello gemello gestiscono un negozio di parrucchiere, e in tutto il comune. Cordoglio continua ad arrivare anche da altri comuni della provincia e non solo visto che Valerio era un centrocampista molto apprezzato nei club del calcio dilettantistico provinciale e regionale. Si respira dolore e raccoglimento anche in tutti gli ambienti politici farensi. 

Il cordoglio. «Un giovane ragazzo ci ha lasciati prematuramente, una tragedia che non si può descrivere con le parole. Il nostro pensiero – dicono dalla minoranza de Il Ponte - alla famiglia in questo momento di devastante dolore». «Ci stringiamo al dolore della famiglia Ciceroni per la prematura scomparsa di Valerio – commentano da Noi Fara - La perdita di un ragazzo così giovane colpisce l’intera comunità». «Abbiamo appreso – dichiarano dal Pd di Fara - con grande dolore la scomparsa del nostro giovane concittadino Valerio, una ferita per tutta la comunità di Fara. Alla famiglia tutta la nostra vicinanza». Listate a lutto le pagine social di amici e conoscenti. E da domenica non si fermano ricordi e fotografie che affollano gli schermi e i cuori delle persone, tantissime, che lo amavano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA