Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Soffitto giù alla Sacchetti Sassetti:
gli studenti hanno occupato
per protesta l'istituto Magistrale

Soffitto giù alla Sacchetti Sassetti: gli studenti hanno occupato per protesta l'istituto Magistrale
2 Minuti di Lettura
Martedì 16 Ottobre 2018, 13:45
RIETI - Occupato l'istituto magistrale Elena Principessa di Napoli. Gli studenti lo hanno fatto poco dopo mezzogiorno, sedensoi interra nei corriodi. L'iniziativa è stata presa in segno di protesta dopo il crollo di un controsoffitto avvenuto nei giorni scorsi nella succursale della «Sacchetti Sassetti».

I ragazzi, in mattinata, hanno anche incontrato il prefetto e il presidente della Provincia. Oggetto delle interlocuzioni sono stati il «no» ai doppi turni, che si prospettano per la mancanza di aule. Un «no» motivato dal fatto che che molti degli studenti risiedono fuori città e tornare a casa nel poemriggio sarebbe in alcuni casi problematico per assenza di collegamenti diretti con le frazioni e i comuni nei quali risiedono.

Ecco la nota che hanno licenziato gli studenti del Pedagogico: “A seguito di vari incontri svolti durante la settimana e dopo aver manifestato in piazza, gli studenti liceo Elena Principessa di Napoli hanno deciso di occupare l’istituto. I motivi dell’occupazione sono gli stessi del precedente comunicato (leggi). Non avendo trovato riscontro positivo presso le autorità competenti rispetto l’enorme disagio, in quanto l’unica soluzione prospettata è stata la turnazione pomeridiana fino al periodo natalizio e ribadendo l’impossibilità dell’utenza della nostra scuola (80% di alunni pendolari), gli studenti dell’Istituto hanno deciso di manifestare in maniera più incisiva il loro disappunto e il loro disagio e di portare avanti le loro motivazioni attraverso l’occupazione” scrivono i rappresentanti degli studenti.
© RIPRODUZIONE RISERVATA