Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Rieti, monsignor Domenico Pompili possibile nuovo vescovo di Verona. Ma ancora nulla di ufficiale

Il vescovo di Rieti Domenico Pompili
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 29 Giugno 2022, 00:10

RIETI - Per il momento si tratta solo di voci e ipotesi, ma il vescovo di Rieti, monsignor Domenico Pompili, potrebbe a breve cambiare diocesi e andare in quella di Verona. Nessuna conferma, per ora, ma questo percorso viene sostenuto da alcuni organi di informazione, cartacei e on-line, della città scaligera. Un punto, per il momento, è certo: l’attuale vescovo di Verona, monsignor Giuseppe Zenti, da circa un mese, per raggiunti limiti di età, ha rassegnato le proprie dimissioni e prossimamente dovrà essere sostituito. Lo stesso Zenti, nel corso della campagna elettorale per le Amministrative nella città veneta, è stato autore di una dichiarazione letta come una sorta di endorsement a favore di Federico Sboarina, sconfitto nel ballottaggio di domenica scorsa da Damiano Tommasi, l’ex calciatore di Verona e Roma, eletto sindaco. L’attuale vescovo di Rieti sembrerebbe tra i più accreditati per subentrare a Zenti alla guida della diocesi veronese.
Monsignor Pompili è stato nominato vescovo nel 2015 e l’insediamento a Rieti avvenne il 5 settembre, con la cerimonia presieduta dal cardinale Angelo Bagnasco. In precedenza, tra i vari incarichi, era stato dal 2007 direttore dell’Ufficio comunicazioni sociali della Conferenza dei Vescovi. Oggi ha cinquantanove anni e in questi sette anni, monsignor Pompili ha dovuto affrontare impegni rilevanti, a partire dal terremoto del 24 agosto del 2016, con un ruolo, nei mesi e negli anni successivi, in prima linea per sollecitare una ricostruzione a lungo a rilento. Importante il suo apporto nelle difficoltà provocate dalla pandemia e nelle vertenze di lavoro, in cui ha spesso ricoperto un ruolo di rilievo per individuare una soluzione per i lavoratori. Per alcuni mesi, alla diocesi reatina, ha aggiunto la guida di quella di Ascoli Piceno. Nelle prossime settimane si vedrà se il vescovo Pompili resterà a Rieti o sarà destinato a una nuova esperienza in Veneto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA