Al Terminillo escursione con racchette da neve sulle orme dei Cavalieri Templari

Al Terminillo escursione con racchette da neve sulle orme dei Cavalieri Templari
di Samuele Annibaldi
3 Minuti di Lettura
Venerdì 5 Febbraio 2021, 19:45

RIETI - Escursione con racchette da neve sulle orme dei Cavalieri Templari al Terminillo. Una camminata con le ciaspole di impegno medio (9 km.)  quella in programma domani e domenica, ricca di storia e leggende, condurrà gli escursionisti attraverso un bellissimo percorso tra boschi innevati e ruscelli ghiacciati nella località Cinque Confini, su di un colle sovrastante il campo d'altura del Terminillo, dove vi è una spada in ferro infissa in un masso, scoperta casualmente nel 1978 da due escursionisti del Cai  in transito che la trovarono quasi totalmente ricoperta da terriccio e da un piccolo cespuglio.


Il luogo esatto era noto dagli anziani quale luogo del Termine; sembra che ve ne fosse notizia presso i Beni Civici di Vazia, antica istituzione pubblica di origine medievale. Non lontano vi è un colle che porta lo stesso nome, "Colle del Termine".

La leggenda

Questa singolare rinvenimento celerebbe una vicenda misteriosa; si tratta quasi certamente di una leggenda, collegata storicamente all'epoea dei templari ed ai tempi della dissoluzione dell'Ordine. Si narra che nell'anno 1307 cinque cavalieri templari rifugiarono sul Terminillo - allora confine del Regno di Sicilia e Puglia con lo Stato della Chiesa (illius terminus) - per sfuggire all'ordine di arresto da parte del Re di Francia Filippo il Bello e del Pontefice Clemente V. I Cavalieri erano capitanati da Guy de la Roche - maresciallo templare - divenuto poi fra' Bernardo al seguito di San Francesco nella chiesa Foresta di Rieti. Stante il lungo tempo trascorso e l'esposizione alle intemperie è assai improbabile che possa trattarsi della spada originale, ma piuttosto di un rifacimento di epoca ignota ancorché identico. Si dice sia una spada di pace - non deve essere toccata. Il solo entrare nel cerchio magico della Spada - porta tradizionalmente fortuna. Chiunque si avvicini verrebbe infatti permeato dallo Spirito di Guy de La Roche e destinato a divenire Cavaliere di pace nel mondo. L'iscrizione leggibile é INIO che significherebbe In Nomine Iesu Omnipotentis - dall'altro lato si riconosce l'iscrizione A.D. 1307. Proprio davanti alla Spada i Cinque Cavalieri si abbracciarono per l'ultima volta, prima di sciogliersi sui confini, pronunciare il giuramento templare e separarsi. I Cinque presero strade diverse: Rieti, Cittaducale, Castel Sant'Angelo, Borgo Velino Micigliano, rifugiando in quelle comunità. Finché la Spada resterà infissa i 5 Comuni resteranno uniti e invincibili. La località dei Cinque Confini rappresenta oggi realmente il confine amministrativo di questi cinque Comuni contigui: è curioso notare come ciascuno di essi raggiunga, con uno spicchio di territorio, proprio il luogo del Termine.

L'escursione

Appuntamento con le guide  per l’escursione con racchette da neve, alle 9.30 a Pian de Valli al Terminillo.

Pranzo al sacco, acqua almeno un litro. Info e prenotazioni al numero 392/6744254 oppure 339/2193520.

© RIPRODUZIONE RISERVATA