Se “Doni Sei Grande” il cortometraggio di sensibilizzazione alla donazione girato dagli studenti dello Jucci

Lino Guanciale
2 Minuti di Lettura
Martedì 25 Gennaio 2022, 14:44

RIETI - La donazione di sangue e plasma è un atto di grande amore verso il prossimo e a causa della pandemia, sempre meno persone si recano a donare, sempre meno giovani. In questo contesto è nata l’idea di realizzare un film cortometraggio dal titolo “Se doni sei grande”, ideato dalla dottoressa Antonella Bertelli, con il supporto incondizionato di Takeda e diretto da Artivision Studio, indirizzato principalmente a studenti delle scuole superiori, per una campagna di sensibilizzazione alla donazione di sangue e plasma.

Protagonisti del film, i ragazzi del Liceo Scientifico Carlo Jucci di Rieti, che insieme raccontano una bella storia di altruismo e solidarietà legata alla donazione. A conclusione del cortometraggio, la partecipazione straordinaria dell’attore Lino Guanciale che lancia un appello come testimonial d’eccezione per comunicare la cultura del dono: “il sangue non può essere riprodotto in laboratorio, il sangue può solo essere donato. Dona il sangue, fallo per te stesso e per gli altri!”. Al cortometraggio si aggiunge un video-spot dell’attore per la diffusione sui canali social. Le donazioni di sangue e plasma, infatti, salvano, ogni giorno, migliaia di vite e sono indispensabili nel trattamento di gravi e rare patologie.

«Con questa campagna di comunicazione vogliamo sensibilizzare i giovani alla donazione in un momento di grande difficoltà a causa della carenza di sangue ed emocomponenti dovuta principalmente alla nuova ondata di contagi Covid - dichiara il presidente di AVIS Lazio, Donatelli Selis - Ringraziamo l’attore Lino Guanciale per il prezioso contributo, tutti gli studenti, giovani attori che con grande emozione hanno partecipato al progetto, la Preside del Liceo Jucci di Rieti Stefania Santarelli, le professoresse Chiara Del Soldato e Anna Rita Venanzi e Takeda, nella persona di Gianluca Togna» conclude il presidente.

L’autosufficienza nazionale del sangue e dei suoi prodotti rappresenta un obiettivo strategico per il nostro Paese al quale Takeda, azienda con due sedi produttive in Italia, a Rieti e a Pisa, contribuisce trasformando in farmaci salvavita il plasma donato nelle Regioni Toscana, Marche, Lazio, Campania e Molise. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA