Rieti, la Regione e il 2 giugno: video
documentario per le scuole

Martedì 2 Giugno 2020

RIETI - Questa mattina, sulla pagina http://memoria.lazio.it/i-fatti/nascita-repubblica/, è stato pubblicato il video-documentario sul 2 giugno destinato a studenti e docenti del Lazio. In questo 74esimo anniversario della nascita della Repubblica italiana, che cade in un contesto fortemente ancora condizionato dalla crisi sanitaria, l’assessorato al Lavoro, Scuola e Formazione della Regione Lazio ha realizzato uno strumento didattico dedicato.

A darne notizia alle scuole, tramite una lettera inviata ai dirigenti scolastici, sono stati l’assessore al Lavoro, Scuola e Formazione della Regione Lazio, Claudio Di Berardino, e il direttore generale dell’Ufficio scolastico regionale per il Lazio, Rocco Pinneri.

«Il video – si spiega nella lettera - ripercorre la storia e il significato del referendum in cui le italiane e gli italiani scelsero la Repubblica come ordinamento dello Stato, gettando le fondamenta dei valori di democrazia, solidarietà, equità e libertà. Il documentario vuole essere uno spunto di approfondimento per rimettere al centro dell'attenzione i valori fondanti della Repubblica. Il voto del 2 giugno, infatti, dimostrò la volontà di cambiare pagina, di ricostruire il nostro Paese con nuova speranza e nuove forza».  

«Oggi quei valori sono più che mai attuali e necessari - prosegue la lettera - Ci indicano la direzione per affrontare le difficoltà e le nuove sfide del presente, rispondendo a un modello di società giusta, inclusiva, solidale, dove sono garantiti diritti e tutele, e protezione per chi ha maggior bisogno. È un grande insegnamento quello che abbiamo ereditato dal passato e sta ora alle giovani generazioni prendere il testimone della storia e rinnovare nel presente gli ideali repubblicani. Alcuni di questi sono stati dimostrati in modo esemplare, con alto spirito di altruismo e impegno per la collettività dagli operatori della sanità, a cui questo 74esimo anniversario della Repubblica è dedicato».

«È con questo intento - conclude la lettera - vogliamo promuovere la diffusione del vide-documentario e gli approfondimenti con i docenti e gli studenti».

Ultimo aggiornamento: 12:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA