Rieti, le leggende: Casini e Cannon
battono Riva e Lee Johnson,
ok Brunamonti e Zampolini.
Ma perché solo su Instagram?

Martedì 7 Aprile 2020 di Lorenzo Santilli
Zampolini e Brunamonti
RIETI - Sono entrati nel vivo gli ottavi di finale del contest “Leggende”, che prosegue a colpi di preferenze e risultati inaspettati. A pesare ancora una volta è stata la scelta di proporre il sondaggio solo su Instagram, coinvolgendo così meno persone e soprattutto più giovani, mentre su Facebook avrebbe avuto un seguito sicuramente più vasto, con risultati più proporzionati.

Nel primo ottavo di finale, Zanelli che al primo turno si è imposto a sorpresa su Fazzi, nulla ha potuta contro una leggenda quale Roberto Brunamonti, che vola così ai quarti. Stessa sorte per Finley, che nell’accoppiamento tra ex Nsb, ha avuto la meglio su Hawkins. Ma le sorprese questa volta si posizionano nel terzo e quarto round, con i più recenti Casini e Cannon che fanno voce grossa nel tabellone. L’asso argentino supera "Nembo Kid" Antonello Riva, detentore tuttora del record di punti segnati in serie A, mentre l'attuale giocatore della Npc ha la meglio su Lee Johnson.

Ecco appunto Lee Johnson, a Rieti vinse la Korac, per poi collezionare svariati titoli nazionale tra Francia e Israele, dove giocò addirittura una finale di Coppa dei Campioni, poi persa contro il Real Madrid, è stato inserito anche nelle leggende di Napoli, dove militò per tre stagioni.

Un ottavo di finale che non ha regalato sorprese è quello tra Zampolini-Gigli: vince l'ex Sebastiani e Vuelle Pesaro, vera icona di quegli anni e simbolo del basket reatino. Il quadro degli ottavi volgerà al termine con le ultime tre sfide: Meely - Bryant (in corso quest'oggi), poi gli evergreen Feliciangeli - Bagnoli e infine quella tra il più amato di tutti i tempi Sojourner e Jones, grande protagonista nella passata stagione. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani