MATTEO RENZI

Renzi-Salvini stasera a Porta a Porta: duello tv senza regole né claque (e Conte nel mirino)

Martedì 15 Ottobre 2019 di Emilio Pucci

Useranno entrambi la vetrina televisiva per lanciare le proprie manifestazioni: nel fine settimana ci sarà la Leopolda e allo stesso tempo la kermesse del centrodestra a Roma. Quello di questa sera nel salotto di Vespa sarà quindi solo un assaggio. Matteo contro Matteo. Settantacinque minuti di confronto. Per mezz'ora ci saranno solo i duellanti e il conduttore, poi si partirà con le domande dei giornalisti in studio. Nessun timing prestabilito per le risposte, nessun diritto di replica, non c'è alcuna regola d'ingaggio che bisognerà rispettare.
L'accordo tra Salvini e Renzi è che anche il pubblico non sarà di parte. La proposta era che ognuno portasse una cinquantina di fan, ma il leader di Italia viva e quello del partito di via Bellerio vogliono tutta la scena per sé. Puntano ad accreditarsi come i leader dei propri schieramenti, mirano ad andare (Salvini) o a ritornare (Renzi) a palazzo Chigi. L'ex ministro ieri ha preparato il duello con la sua Bestia, la macchina della comunicazione guidata da Morisi. L'ex premier, invece, ha sentito Presta, l'impresario tv che gli sta organizzando la Leopolda, ma alla fine dicono i fedelissimi «farà di testa sua come sempre». Di sicuro Salvini rinfaccerà al suo avversario la giravolta dell'accordo con M5S: «Lui ha la capacità, di cui io sono sprovvisto, di cambiare idea ogni quarto d'ora». Mentre l'ex segretario dem lo attaccherà proprio sull'esecutivo «giallo-nero» (così lo definisce) che a suo dire rischiava di portare il Paese direttamente nell'abisso.

Renzi: «Il mio avversario è Salvini, non dirò mai mezza parola contro il Pd»
 

 

CAMBIO DI PASSO
Ma Salvini da qualche giorno ha cambiato registro. Nel Carroccio dicono che si sia convinto per una linea più moderata: basta isolarsi, bisogna imparare dagli errori del passato. Gli ex lumbard la definiscono una vera e propria svolta. L'obiettivo è smettere i panni dell'anti-sistema e presentarsi - anche agli interlocutori internazionali - come una forza politica più concreta, più liberale e meno sovranista. Un cambio di passo ragionato («tanto i voti della destra ce li abbiamo, non scappano», dice un big' leghista) per far partire una corsa ai voti del centro. «Se deve essere il capo della coalizione, deve comportarsi in questo modo», dicono i suoi. «Io non scappo dai confronti. Quando Renzi aveva il 40% ha rifiutato il duello, ma è Renzi ad aver bisogno di me, non io di lui», ha spiegato l'ex responsabile del Viminale. «Sarà un confronto per chi continua a pensare che i due Matteo siano la stessa cosa», ha scritto il leader di Italia viva che quella corsa al centro l'ha già iniziata anche per anticipare eventuali disegni futuri del premier Conte.
E saranno proprio i distinguo a Conte ad accomunare i due. Curioso che la battaglia in tv si terrà quando il Cdm sulla legge di bilancio sarà in corso. Renzi continua a prendere le distanze su alcune scelte dell'esecutivo e Salvini aspetta solo di capire se e come aumenterà l'imposizione fiscale per punzecchiarlo. Si misureranno senza esclusioni di colpi sul tema delle tasse e su Quota 100, sul fronte dell'immigrazione, sulla legge elettorale e sul referendum che la Lega sta portando avanti. Al momento non sono previsti colpi di teatro. I due hanno studiato i dossier per attaccare il reciproco avversario. Salvini difenderà il suo operato al Viminale, ricorderà che gli sbarchi sono aumentati, darà ogni colpa al senatore di Firenze che a sua volta è pronto a rilanciare sul caso Savoini, sulla vicenda dei 49 milioni, sulle clausole di salvaguardia sull'Iva. Due visioni diverse del Paese e dell'Europa ma in comune hanno la spregiudicatezza senza limiti. «Salvini è solo demagogia», il refrain del primo Matteo. «Scappi dal voto», la reazione del secondo.

La sfida tv a due preoccupa i big del Pd, agita M5S e il governo. Anche perché dopo inizierà un'altra partita, quella sui social. Magari subito dopo i due si manderanno sms sul telefonino per poi preparare gli eventi che possono rappresentare una mina per la navigazione della maggioranza. Domani Renzi riunirà i parlamentari per dettare la linea programmatica della Leopolda, mentre Salvini è concentrato sulla piazza di Roma e sulle regionali in Umbria che nelle sue intenzioni daranno una spallata al governo. Nella speranza che sia, magari dopo la manovra, proprio l'altro Matteo a dargli una mano in Parlamento.
 

Ultimo aggiornamento: 17:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Lozzi e il derby dei Casamonica, da Virginia solo una passerella

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma