CORONAVIRUS

App Immuni, Salvini: libertà non è in vendita. Pd e Forza Italia: «Bisogna votare una legge in Parlamento»

Lunedì 20 Aprile 2020
7
App Immuni, Pd e Forza Italia: «Bisogna votare una legge in Parlamento»

Matteo Salvini critica l'app Immuni. «Un commissario non può certo derogare dai diritti costituzionali senza che sia il Parlamento, e quindi il popolo, ad essere investito di decisioni così delicate». Così il segretario della Lega sull'app Immuni, relativamente alle scelte su privcy e diffusione dei dati. «Inoltre sulla app sono evidenti alcune gravi criticità, da molti sollevate, tra le quali: chi gestisce i dati raccolti, dove vengono conservati e per quanto e di chi è la proprietà dei dati? Garantire la protezione di diritti e dati privati degli Italiani per la Lega è fondamentale, la strada scelta dal governo è pericolosa», sottolinea il leader della Lega, rimarcando come «La nostra libertà non è in vendita». 

LEGGI ANCHE Coronavirus, rendere la app Immuni obbligatoria «di fatto»: il piano della task force del governo

Il Pd e Forza Italia concordi nel dire che per autorizzare l'uso dell'app Immuni occorra un passaggio parlamentare. «Con la scelta del governo dell'utilizzo dell'app Immuni per tracciare i contatti dei contagiati da coronavirus, in modo da contenere gli effetti di un'eventuale seconda ondata, il tema della privacy torna prepotentemente, perchè riguarda da vicino il trattamento dei dati personali di tutti i cittadini italiani». Lo sottolinea la senatrice di Forza Italia, Fiammetta Modena.

«Già lo scorso primo aprile il sito dell'Inps, che doveva gestire le domande per il bonus partite Iva previsto dal decreto Cura-Italia, è andato in crash, impedendo l'accesso alle persone. In molti hanno anche segnalato che, dopo essere entrati con i propri username e password, potevano vedere le domande di altri utenti con le relative informazioni personali e riservate. Questa volta il governo ce la farà a garantire il rispetto della privacy? Da chi verranno gestiti tutti i dati sensibili? Il Governo pensa anche a delle limitazioni alla circolazione per chi sceglierà di non fare il download dell'app». «Urge un confronto serio in Parlamento sulla libertà e tutela della privacy, non può cadere sulle nostre teste per circolari e Dpcm una semplice ordinanza che il commissario per l'emergenza Covid Domenico Arcuri ha firmato qualche giorno fa».

LEGGI ANCHE --> Coronavirus, la premier norvegese riapre gli asili nido, ma gruppi di genitori si ribellano: «I nostri figli non sono cavie»

«L'app di tracciamento sarà un pezzo importante della prossima stagione in cui dovremo convivere con il Coronavirus. Mi limito a ricordare che in Italia vige comunque una Costituzione che non può essere elusa, soprattutto nella parte dei diritti fondamentali. Quel che è certo è che dovrà discuterne il Parlamento». Lo afferma il capogruppo del Pd a Palazzo Madama, Andrea Marcucci.
 

Ultimo aggiornamento: 21 Aprile, 00:18 © RIPRODUZIONE RISERVATA