Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Muore di overdose nel bagno di un bar aperta un'inchiesta, caccia allo spacciatore

Muore di overdose nel bagno di un bar aperta un'inchiesta, caccia allo spacciatore
di Sandro Gionti
2 Minuti di Lettura
Giovedì 7 Luglio 2022, 09:36 - Ultimo aggiornamento: 09:48

E' stata aperta una inchiesta della magistratura sulla drammatica morte per overdose di un giovane operaio edile di Formia, trovato in fin di vita nel bagno di un bar nella frazione collinare di Trivio, il suo paese di residenza. Morte come conseguenza di altro delitto.
E' l'ipotesi di reato per il quale il sostituto procuratore della Repubblica di Cassino Francesca Fresch ha aperto un fascicolo al momento contro ignoti per cercare di individuare il pusher che sabato pomeriggio ha venduto la dose letale di eroina che ha provocato il decesso di A.F., il 31enne operaio di Trivio. Il giovane era entrato nel bagno dell'esercizio pubblico, ma tarda ad uscirne.
Il ritardo ha insospettito e preoccupato i titolari del bar, che, aprendo la porta del bagno, hanno trovato il giovane agonizzante sul pavimento e, accanto, una siringa sporca di sangue. E' scattato l'allarme ed è stato immediatamente richiesto l'intervento degli operatori sanitari del 118 e della polizia.
Sono stati purtroppo inutili i tentativi di medici e infermieri di rianimarlo, Il giovane operaio ha cessato di vivere pochi istanti dopo, all'interno dello stesso bar. Sono scattate le indagini della polizia coordinate dal vice questore Aurelio Metelli ed è stata informata la Procura di Cassino, che ha subito disposto l'autopsia, che, eseguita dal medico legale, ha accertato che il decesso è stato provocato da una overdose. Sono in corso gli esami istologici e di laboratorio per ulteriori verifiche.
Gli agenti del commissariato di Formia hanno eseguito alcune perquisizioni domiciliari, soprattutto a Formia e a Maranola, nei confronti di presunti pusher che avrebbero potuto vendere la dose di eroina, evidentemente tagliata male, al giovane operaio di Trivio, tanto da provocarne la morte. Le indagini sono ancora in corso e potrebbero emergere indizi utili all'individuazione del puscher.
I funerali del giovane, impegnato saltuariamente in alcuni lavori edili, si sono svolti ieri mattina , e i suoi amici, che lo attendevano fuori del bar e avrebbero dovuto trascorrere una piacevole serata in sua compagnia in un locale della zona, hanno promosso una raccolta di fondi per contribuire alle spese del funerale. Una cerimonia mesta, in un paese scosso dalla notizia della morte del ragazzo. Ora l'inchiesta dovrà fare luce su questo decesso.
S.Gio.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA