Trump, l'Fbi perquisisce la sua residenza: «Sospetti su tentativi di celare le carte»

L'atto è finora il resoconto più dettagliato sulle evidenze di ostruzione della giustizia

Trump, l'Fbi perquisisce la sua residenza: «Sospetti su tentativi di celare le carte»
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 31 Agosto 2022, 06:30 - Ultimo aggiornamento: 14:23

Blitz dell'Fbi: ottenuto il decreto di perquisizione nella residenza di Donald Trump a Mar-a-Lago dopo aver avuto evidenze «che documenti governativi erano stati probabilmente nascosti e rimossi dal deposito e che gli sforzi erano stati fatti probabilmente per ostruire l'indagine del governo». È quanto si legge, secondo Politico, nelle 36 pagine con cui il dipartimento di Giustizia americano si oppone alla richiesta del tycoon di nominare uno special master, una sorta di arbitro per esaminare il materiale sequestrato dal Bureau.

Sequestri a casa Trump perché i «segreti di Stato sono a rischio». Le ragioni del mandato di perquisizione

Liz Cheney, la rivale di Trump sconfitta in Wyoming. L'ex presidente: «Può scomparire nell'oblio»

«Che l'Fbi, nel giro di ore, abbia recuperato il doppio di documenti contrassegnati come classificati mentre l'avvocato e altri rappresentanti dell'ex presidente hanno avuto settimane per fare la loro ricerca diligente mette in seria discussione la rappresentazione dei fatti nella certificazione del 3 giugno (sull'avvenuta restituzione di quanto richiesto, ndr) e getta dubbi sull'estensione della cooperazione in questa vicenda», si legge nell'atto firmato da Jay Bratt, capo della sezione controspionaggio del dipartimento di Giustizia. L'atto è finora il resoconto più dettagliato sulle evidenze di ostruzione della giustizia, sollevando il timore che Trump e i suoi legali abbiano cercato di fuorviare gli investigatori sulla sincerità e accuratezza dei loro sforzi per identificare e restituire agli Archivi nazionali documenti altamente sensibili.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA