Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

«Marmolada, noi salvi per miracolo perché abbiamo anticipato la salita»: il racconto di una guida alpina

«Frequento la Marmolada dalla metà degli anni settanta, dai periodi in cui facevo la "naja", e posso dire di non averla mai vista in condizioni così disastrose»

«Marmolada, noi salvi per miracolo perché abbiamo anticipato la salita di 24 ore»: il racconto di una guida alpina
2 Minuti di Lettura
Lunedì 4 Luglio 2022, 11:36

Vivi per miracolo. Alberico Cocco57enne vicentino direttore di escursione del Cai di Malo, sostiene di essere sopravvissuto per puro caso alla frana della Marmolada. «Io e altri 5 componenti del mio gruppo - racconta all'Ansa - possiamo effettivamente definirci così, dei "miracolati", perchè la zona in cui è avvenuto il distacco del seracco l'abbiamo attraversata nella giornata di sabato, appena 24 ore prima del disastro. È accaduto per caso, perchè avevamo trovato un posto per dormire solamente per la notte tra venerdì e sabato, peraltro in un altro rifugio. Sulla Marmolada è già tutto prenotato da mesi sino alla fine della stagione estiva».

Marmolada, la testimonianza della guida vicentina

Cocco è della sezione Cai di cui fanno parte altri 4 vicentini che risultano dispersi, tra i quali anche Filippo Bari, il ragazzo di 27 anni di cui i social hanno mostrato un selfie che il 27enne si era fatto ieri, lungo la via per la vetta. «Avevo sentito telefonicamente Filippo Bari nella giornata di venerdì - spiega l'uomo -, solo un contatto veloce al cellulare: a lui avevo detto della nostra gita il sabato, lui mi aveva informato che sarebbero saliti domenica, ma senza precisare in quanti fossero». «Frequento la Marmolada dalla metà degli anni settanta, dai periodi in cui facevo la "naja" - prosegue - e posso dire di non averla mai vista in condizioni così disastrose».

© RIPRODUZIONE RISERVATA