Rieti, gol di Agostini illude Cantalice,
poi raggiunto in dieci sull'1-1
dal Vicovaro: niente semifinale
di Coppa. «Pagata l'andata»

Mercoledì 19 Febbraio 2020 di Andrea Giannini
Orlando Agostini, autore del gol del Cantalice (foto Riccardo Fabi/Meloccaro)
RIETI - Il Cantalice vede sfumare il sogno della semifinale di Coppa Italia di Promozione. Dopo la sconfitta per 2-0 rimediata contro il Vicovaro nella gara di andata giocata al Ramacogi, i reatini non riescono a rimontare: tra le mura del Berenghi termina 1-1.

Vicovaro, che proprio ieri mattina, 18 febbraio, aveva ufficializzato il cambio della guida tecnica. Dopo aver esonerato Luciano Orati lo scorso lunedì, Gianluca Lillo, il nuovo tecnico dei romani, ha trascinato la formazione arancioverde tra le prime quattro in Coppa.

LA GARA
Match molto equilibrato e combattuto per tutti i 90’. Compagini che chiudono il centro del gioco e occasioni più pericolose che arrivano dalle corsie laterali. Al 25’ una fra tutte arriva suoi piedi di Accardo che mette dentro una palla perfetta per Agostini che di mancino insacca. Il vantaggio biancorosso non scuote i padroni di casa che restano concentrati.

La ripresa inizia sulla falsariga del primo tempo. Il Cantalice ha le occasioni più pericolose ma al 20’ rimane in inferiorità numerica per la doppia ammonizione ai danni di Di Carlo. Anche sotto di un uomo, gli uomini di Patacchiola spingono sull’acceleratore e vanno vicino al gol con Agnesi e Accardo. Gol che però non arriva e il Vicovaro ne approfitta: sul finale di gara, i romani pareggiano sugli sviluppi di un corner.

IL COMMENTO
Il tecnico biancorosso Simone Patacchiola: «Il risultato della gara di andata ci ha penalizzato molto e ha compromesso il match di ritorno. Buona la prestazione ma non è bastata. Dispiace ma ora ci concentreremo sul campionato. Ora servirà fare punti per la salvezza poi penseremo al resto». Ultimo aggiornamento: 17:47 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani