ULTIME NOTIZIE

L'addio di De Rossi alla Roma, il capitano costretto a lasciare

Martedì 14 Maggio 2019 di Ugo Trani
4
Daniele De Rossi

Il numero e l'ultimo avversario inquadrano il destino di Daniele De Rossi. Il 26 maggio, a meno di cambiamento nel calendario della serie A, giocherà la sua ultima partita in giallorosso. Sarà Roma-Parma, come quel 17 giugno del 2001, pomeriggio dell'ultimo scudetto.

LEGGI ANCHE: Roma, l'addio di De Rossi: in dieci mesi nessuna chiamata, avevo capito
LEGGI ANCHE: Roma, l'addio di De Rossi: in dieci mesi nessuna chiamata, avevo capito

Il titolo sempre sognato dal capitano che in quella stagione fu spesso aggregato alla prima squadra. Senza poter debuttare. Capello gli consegnò però la maglia della prima squadra. Non con il numero di oggi, il 16, ma il 26: quello dell'addio. Cerchio chiuso. Perfidamente.

LEGGI ANCHE: Maldini: «Daniele un grande, la scelta mi sorprende»

«Ho il rammarico di poter donare solo una carriera alla mia squadra del cuore». Fedele per sempre, ma il rammarico adesso è proprio per lo scudetto inseguito almeno 15 anni.  E' rimasto per quel titolo che ha solo festeggiato da tifoso, come si sente. E come era già a 11 anni quando varcò per la prima volta il cancello di Trigoria. Ha scelto di vincere meno per provarci qui.
 

 

La Nazionale è stato il premio alla sua carriera: con 21 reti è il miglior marcatore azzurro in attività. In azzurro ha vinto il mondiale al Berlino (2006), trasformando anche il rigore pesantissimo nella finale contro la Francia senza perdere la lucidità dopo lo stop forzato (4 turni di squalifica), è stato vicecampione d'Europa a Kiev (2014),  campione continentale con l'Under 21 (2004) e bronzo ai Giochi di Atene (2004).

La Roma, però, è stata la sua vita. I laziali lo hanno accetato e rispettato più di Totti proprio per il suo modo di essere leader e trascinatore. Al momento, su invito della società, ha dovuto interrompere il suo legame. Vuole continuare a fare il giocatore, ma la proprietà Usa lo avrebbe voluto in altri ruoli e non in campo. O dirigente o niente. La sua storia somiglia a quella di Del Piero con la Juve.

Il capitano che non decide di lasciare, ma è costretto a farlo. Non si vede manager. Farà l'allenatore, come ha ricordato in conferenza stampa a Trigoria. Ma avrebbe preferito restare nello spogliatoio giallorosso, sentendosi utile. E non per le presenze in partita, diminuite già quest'anno per i vari contrattempi fisici. Lui , sentendosi ancora giocatore anche se magari part time, ha sempre aiutato i giovani che sono cresciuti o arrivati a Trigoria, formato dall'insegnamento del papà Alberto che ancora guida la Primavera. Pallotta, da lontano, gli fa sapere che la porta resta aperta. Ma, intanto, l'ha chiusa. Il presidente e non il calciatore.

Ultimo aggiornamento: 15 Maggio, 00:26


© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Sturni, Stefàno e Frongia: la corsa nel M5S che verrà

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma