Strisce blu a Cassino, abolita la penalina: niente più integrazione, si paga subito la multa

Strisce blu a Cassino, abolita la penalina: niente più integrazione, si paga subito la multa
di Alberto Simone
4 Minuti di Lettura
Martedì 17 Maggio 2022, 10:17 - Ultimo aggiornamento: 16:33

Niente più agevolazioni per chi sosta nelle strisce blu senza regolare ticket o abbonamento: nella giornata di ieri il comandante della polizia locale Pasquale Pugliese ha firmato l'ordinanza che pone fine alla cosiddetta penalina. Cosa significa? Con l'appalto vinto dalla Publiparking nel 2019 e il nuovo servizio di sosta a pagamento entrato in vigore a Cassino nel 2020, erano previste alcune agevolazioni.

Due, le più importanti, entrambe ultimamente finite sotto i riflettori del comandante della polizia locale Pasquale Pugliese che sta esaminando il capitolato di appalto tra la Publiparking e il Comune di Cassino. Si tratta della sosta breve e della penalina. Con la sosta breve c'è la possibilità per gli automobilisti di usufruire dei primi 10 minuti di sosta gratuita. Questa agevolazione, per ora, resta. Non sarà invece possibile integrare il ticket giornaliero per chi resta in sosta dopo il periodo che aveva pagato.

Nella sostanza dei fatti fino ad oggi chi restava in sosta dopo che era scaduto il ticket aveva la possibilità di integrare il biglietto fino alla fine della giornata pagando somme irrisorie. Con l'ordinanza firmata ieri, invece, scatta subito la multa, pertanto, in caso di accertamento delle violazioni in materia di sosta a pagamento, gli ausiliari del traffico provvederanno a redigere un verbale di contestazione così come previsto dagli articoli 200 e 201 del Codice della Strada e secondo le specifiche previsioni di legge.

Tale decisione è stata assunta dopo un incontro con la Publiparking, la società che gestisce la sosta a pagamento, al fine di mettersi in perfetta coerenza con quanto sancito dalla vigente legge che disciplina la materia, il Codice della Strada. Resta comunque inferiore la sanzione: nel caso di assenza del ticket la multa sarà di 42,00 euro, con riduzione per pagamento nei 5 giorni (euro 29,40). Nel caso invece di ticket scaduto (oltre la scadenza risultante dal tagliando esposto) seguirà verbale di accertamento di violazione, con sanzione di 26 euro, ridotta del 30%, vale a dire 18,20 euro, se il pagamento avviene entro i 5 giorni. In ogni caso una vera e propria multa, niente più penalina.

Una decisione che sembra non trovare il favore degli automobilisti già inferociti per l'eccessiva severità dei vigili urbani: sono stati 3.500 i verbali redatti nel primo quadrimestre dell'anno. Ovvero: nei primi quattro mesi del 2022 sono state fatte a Cassino le stesse sanzioni dell'intero 2021. In questi numeri sono compresi anche i verbali degli ausiliari del traffico che hanno il compito di sorvegliare, appunto, la sosta negli stalli blu.

Intanto, a proposito degli ausiliari, tra i lavoratori continua lo stato di agitazione. Le organizzazioni sindacali aspettano delle risposte alle loro richieste, che ancora non sono arrivate. Quali risposte? Con il nuovo contratto gli ausiliari hanno perso circa 200 euro in busta paga. La pandemia ha assestato un altro duro colpo ai lavoratori che sono stati a lungo in cassa integrazione. Per questo motivo i sindacati hanno chiesto all'azienda di calcolare le perdite economiche e hanno messo sul tavolo la loro proposta. La spiega il segretario dell'Ugl Enzo Valente: L'appalto vinto dalla Publiparking prevedeva 35 lavoratori ma oggi ne sono in servizio solamente 31 perché quattro di loro hanno lasciato. Quello che chiediamo all'azienda è che anziché assumere altri lavoratori con un salario basso, spalmi quel monte ore sugli ausiliari in servizio in maniera tale che possano avere una busta paga più pesante' a fine mese. Si attendono risposte da parte della Publiparking già in giornata.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA