Affittano casa al mare a Terracina, ma la trovano occupata: era una truffa

Venerdì 2 Agosto 2019
Stessa spiaggia, stesso mare, ma spesso anche stessa truffa. Perché i malintenzionati no, non vanno mai in ferie. Soprattutto al tempo degli affari facili, troppo facili, sul web. Ne sa qualcosa una famiglia di Roccassecca protagonista, suo malgrado, di un raggiro che ha mandato all'aria le tanto agognate vacanze.

Tutto era iniziato con la ricerca di un appartamento a Terracina per le ultime due settimane di luglio. La famiglia si era messa a cercare tra gli annunci web. Ne avevano trovato uno che sembrava fare al caso loro. Presi i contatti con il locatario, le parti si sono messe d'accordo per il pagamento: 525 euro di caparra accreditati su una postepay, poi resto quando avrebbero preso possesso dell'appartamento.
Più facile di così. Il giorno in cui avrebbero dovuto prendere possesso della casa, la famiglia di Roccassecca si è recata a Terracina. Giunti sul posto, hanno scaricato le valigie e si sono diretti all'appartamento. Qui l'amarissima scoperta: la casa era occupata da altri vacanzieri.

L'uomo di Roccasecca, un 54enne, ha provato a mettersi in contatto con la persona che gli aveva affittato la casa, ma il numero era irraggiungibile. Sparito con la caparra. Non ci è voluto molto per capire che si trattava di una truffa. Quella del falso locatario. Un danno beffa, materiale e morale, tenuto conto che la famiglia truffata attendeva le meritate ferie da un anno.
Per cui ai vacanzieri beffati non è rimasto fare altro che rivolgersi ai carabinieri. E ieri mattina i militari della Stazione di Pontecorvo hanno individuato e denunciato l'autore della truffa, un 40enne residente a Napoli, già noto alla giustizia per una sfilza di reati.

«Purtroppo, nel periodo estivo, - spiegano dal Comando dei Carabinieri - non sono pochi i truffatori che approfittano dell'ingenuità degli aspiranti vacanzieri, la tecnica usata è sempre la stessa: i finti locatori pubblicano a prezzi convenienti su internet annunci di case che non esistono o che sono già intestate a terze persone per poi dileguarsi una volta ricevuta la caparra per l'utilizzo degli immobili dalle ignare vittime».
  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il percorso ad ostacoli dei turisti della Capitale

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma