Riccardo De Palo
LAMPI di
Riccardo De Palo

Covid, DeLillo e Lethem: la paura al tempo della pandemia è uno schermo spento

Lunedì 23 Novembre 2020 di Riccardo De Palo
Covid, DeLillo e Lethem: la paura al tempo della pandemia è uno schermo spento

Prima della pandemia, avevamo paura che le macchine si ribellassero. Oggi temiamo, piuttosto, che si spengano. Quando il mondo non conosceva parole come lockdown e distanziamento sociale, temevamo che l’intelligenza artificiale potesse prendere il sopravvento, come nelle saghe di Matrix e Terminator. Poi, quest’anno, la svolta. L’interconnessione è diventata fondamentale: gli uffici e le scuole si fondano sulle videoconferenze, gli acquisti online sono considerati un’opzione strategica, e anche l’intelligenza artificiale è diventata importante per prevedere picchi d’infezione, individuare molecole efficaci, gestire complessi sistemi industriali e della telecomunicazione. Cosa succederebbe se, improvvisamente, tutte le reti, i server e gli algoritmi smettessero di funzionare?

A dare corpo a questa paura collettiva sono alcuni libri di grandi autori, appena pubblicati negli Stati Uniti. The Silence è un romanzo breve di Don DeLillo: alcuni amici si ritrovano il giorno del Super Bowl, in una casa del New Jersey; presto lo schermo della tv si spegne e tutti mezzi di comunicazione cessano di funzionare. Un ospite cita Einstein: «Non so con che armi si combatterà la terza guerra mondiale, ma la quarta si deciderà a colpi di mazza e di pietre». L’autore pluripremiato (DeLillo vanta tra l’altro ben due Pulitzer) ha 84 anni e confessa al New York Times di non essere certo dipendente dalla tecnologia: «Uso ancora una vecchia Olympia di seconda mano, che ho comprato nel 1975. Quello che mi piace di questa macchina da scrivere è che ha dei caratteri grandi. Posso avere una chiara visione delle parole sulla pagina, trovare una connessione visuale tra le lettere di una parola, e le parole di una frase».

Quando Harold Bloom stroncava Jonathan Franzen e David Foster Wallace

Un altro maestro della letteratura americana, Jonathan Lethem, molto più giovane (ha 56 anni), ha appena pubblicato The Arrest, un romanzo in cui si immagina un futuro in cui tutti i dispositivi tecnologici - cellulari, mezzi di trasporto, computer, armi - smettono simultaneamente di funzionare. L’evento - l’Arresto, appunto - segna un punto di svolta fondamentale per l’umanità, tanto che la Storia viene suddivisa tra un Prima e un Dopo. La ragione di un tale evento catastrofico viene lasciata volutamente sfumata. «Il televisore fu il primo a morire, come se avesse contratto una sorta di malattia emorragica, un Ebola o qualche altra cosa capace di far fondere la carne». Il protagonista, Alexander Duplessis (curiosamente, lo stesso cognome della donna che ispirò La signora delle camelie di Dumas), soprannominato Journeyman, è un ex sceneggiatore del Maine, costretto a riciclarsi come aiuto macellaio e trasportatore di alimentari prodotti da una cooperativa agricola. 

Ma in questo “annus terribilis” sono anche altri romanzi a mettere in scena una simile apocalisse tecnologica. Leave the World Behind è opera di un autore americano di peso (ha vinto il National Book Award), Rumaan Alam. Si svolge nei giorni precedenti alla fine del mondo come lo conosciamo; i campanelli d’allarme sono i blackout, una febbre inspiegabile, un rumore assordante. Altri libri sono meno recenti. Lo scrittore e giornalista televisivo britannico Robert Harris immagina in The Second Sleep (“Il sonno del mattino” nell’edizione italiana) l’avvento di una tecnologia narcotica e debilitante, che rende pazzi e porta alla cancellazione di tutte le conquiste tecnologiche acquisite, dando il via a un nuovo Medioevo. In Fall or Dodge in Hell di Neal Stephenson, gli Usa si spaccano in due; e nella zona off-limits dell’Ameristan prevale l’anarchia.

Il tema ha ispirato anche alcune serie tv, come Mr Robot e Black Mirror, ma ci sono anche saggi che cercano di spiegare i reali rischi di una apocalisse tecnologica. Apocalypse How? Technology and the Threat of Disaster di Oliver Letwin analizza il nostro mondo sempre più interconnesso, che potrebbe crollare «come i pezzi di un domino» in presenza di una crisi geopolitica o, più banalmente, di una tempesta solare, capace di distruggere reti elettriche e dispositivi collegati. L’autore, saggista e politico britannico di 64 anni, mette in evidenza la nostra dipendenza da fragili reti comunicanti. Avere un piano d’emergenza - lo abbiamo imparato a nostre spese - può servire ad agire in tempo ed evitare disastri irreparabili.

 

Ultimo aggiornamento: 12:41 © RIPRODUZIONE RISERVATA