Piscina comunale, utenti doppiamente a secco: no ai rimborsi. Bocciato emendamento del Pd

Martedì 16 Aprile 2019 di Massimo Chiaravalli
Utenti della piscina comunale a secco: niente rimborso per gli abbonamenti pagati senza usufruire del servizio. La maggioranza ha infatti bocciato un emendamento del Pd, che avrebbe consentito di creare una posta da 15 mila euro.

La proposta dei dem è stata illustrata in aula oggi pomeriggio da Luisa Ciambella. «Questo emendamento - ha detto - riguarda un tema che il sindaco ha sicuramente a cuore, come tutta la maggioranza, e che la città attende. Riguarda le famiglie che hanno fatto l’abbonamento annuale alla piscina e che da gennaio non riescono a fare lezione regolarmente, per usare un eufemismo».

L'atto, secondo Ciambella, potrebbe anche evitare una class action. «Non possiamo dire ai cittadini che vogliamo riaprire la piscina il prima possibile e poi aver consentito di pagare le rette fino alla fine, senza avere il rispetto di avvertire che quel servizio non sarebbe stato più garantito. Chiedo quindi che questo emendamento venga approvato: sarebbe una piccola goccia, un’attenzione al danno causato alle famiglie».

L’importo è di 15 mila euro: una prima mossa, non essendo chiaro il numero effettivo di quante sono coinvolte. Ma la maggioranza ha respinto tutto al mittente: bocciato. Amaro il commento post voto: «Hanno fatto pagare le quote fino al giorno prima della chiusura – commenta Ciambella – il Comune ancora non sa quante sono le persone che hanno pagato senza avere il servizio. Volevamo cercare di rimborsarle. Arena dice sempre che è un problema prioritario, poi invece hanno votato candidamente contro l’emendamento, con buona pace dei cittadini». © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Autobus a Roma, le trovate degli utenti per sopravvivere ai disagi

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma