Green pass e niente feste per le matricole: ecco il primo giorno di scuola delle scuole ternane

Green pass e niente feste per le matricole: ecco il primo giorno di scuola delle scuole ternane
di Lucilla Piccioni
4 Minuti di Lettura
Lunedì 13 Settembre 2021, 07:35 - Ultimo aggiornamento: 16:50

Oggi per gli studenti delle scuole ternane prima campanella dell'anno. Novità positiva di questo rientro la presenza in classe della quasi totalità dei docenti. Compresi quelli di sostegno. «Ancora non abbiamo le cattedre coperte al cento per cento, ma rispetto agli scorsi anni stavolta navighiamo nell'oro. Di solito le nomine per le supplenze venivano fatte a fine settembre primi ottobre con tutti i disguidi che questo ha comportato», commenta Fabrizio Canolla dirigente scolastico dell'Ipsia Sandro Pertini. Se le nomine dei prof sono arrivate prima del consueto non è così per la piattaforma che servirà a controllare i green pass di docenti e personale Ata. Non è ancora funzionante nelle scuole. Per ora i presidi si vedranno costretti a controllare all'ingresso un certificato verde alla volta, tutti i giorni.

Saltate tutte le cerimonie per l'avvio del nuovo anno che di solito ogni istituto organizzava soprattutto per dare il ben venuto ai nuovi studenti, quelli che per la prima volta mettevano piede nelle varie scuole. Le matricole.

Solo al Casagrande-Cesi si è comunque voluto festeggiare con un evento organizzato all'aperto, alla Cascata delle Marmore. Per non interferire con l'inizio dell'anno scolastico l'incontro si è tenuto il 10 settembre ed era a partecipazione libera, hanno aderito gli studenti del Casagrande-Cesi che ne avevano piacere. Ad augurare in bocca al lupo agli studenti dell'istituto tecnico-professionale ternano la Ninfa Nera ed il pastorello Velino scortati dallo gnefro. Ogni istituto ha scaglionato gli orari d'ingresso e di uscita per non creare assembramenti, si sono aperti anche nuovi accessi alla scuola. All'ITT Allievi Sangallo ci sono cinque ingressi tutti intorno alla scuola, al Casagrande Cesi oltre a quello principale ce ne sono altri due: in via Sabotino e sul lato di fronte all'istituto che ospita il liceo Metelli.

Due ingressi anche all'Ipsia Pertini, ma quello di via Rosselli è riservato alle sedici classi, otto quarte e 8 quinte, del liceo scientifico scientifico Donatelli che saranno ospitate nella scuola. Un'intera ala dell'edificio è stata dedicata ai nuovi ospiti, oltre alle aule ci sono laboratori, la stanza Covid e quella riservata ai docenti. Al liceo Donatelli, in via della Vittoria, sono iniziati lavori di adeguamento sismico che la Provincia, a scaglioni, metterà a punto in tutti gli edifici delle superiori, che sono di sua competenza.
Durante l'estate sono stati portati a termine anche altri lavori negli edifici scolastici che ospitano le superiori. In tutto sono stati spesi 300.000 euro. Sono stati migliorati impianti e sevizi. Al Donatelli sono state sostituite le finestre, Al Casagrande-Cesi finestre nuove e potenziamento dell'impianto termico di riscaldamento.

Al Gandhi di Narni sono stati ristrutturati i bagni e l'impianto idrico e sono state ricavate anche altre aule per l'attività didattica ordinaria. All'Ipsia Pertini la fondazione Carit ha finanziato l'acquisto di 220 libri per stranieri, 60 cartine geografiche, un abbonamento per la fruizione digitale di contenuti per cento utenti, dodici pc portatili, un monitor touch a colori, cinque carrelli porta monitor, tre telecamere, quattro microfoni portatili.

E' stata completamente liberata da attrezzature e laboratori la storica sede del liceo artistico, quello di piazza Briccialdi accanto ai giardini della Passeggiata. Tutti gli studenti ora sono ospitati nella sede di viale Trento, in quella che fino a qualche anno fa era la scuola dei geometri. Nessun nuovo indirizzo prenderà il via nelle superiori ternane, non ci sono stati iscritti né per il liceo coreutico che è associato alla sezione musicale del liceo Angeloni né per il tecnico delle acque che sarebbe dovuto partire presso l'Ipsia Pertini. Ci si riproverà per il prossimo anno scolastico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA